Insegnante di danza molestata da straniero: "Sei bella, facciamo sesso"/ Lezioni blindate

Una insegnante di danza è stata molestata da uno straniero, pare di origine indiana o pachistana, che non molto tempo fa, ma la notizia esce solo ora, si è presentato nell'androne della scuola, chiedendole di fare sesso.

Insegnante di danza molestata da straniero: "Sei bella, facciamo sesso"/ Lezioni blindate
Ventimiglia, 02 Novembre 2017 ore 18:17

Una insegnante di danza, di Ventimiglia, è stata molestata da uno straniero, pare di origine indiana o pachistana, che non molto tempo fa, ma la notizia esce solo ora, si è presentato nell'androne della scuola, chiedendole di fare sesso.

"Stavamo per iniziare la lezione e c'erano cinque ragazze negli spogliatoi che si stavano cambiando - avverte l'insegnante - quando è entrato uno straniero che puzzava di alcol. Gli ho chiesto cosa volesse e non mi risposto. Allora gli ho parlato in inglese e ho visto che capiva".

A un certo punto: "Continuava a fissarmi negli occhi e in inglese mi ripeteva: 'Sei bella, sei bella, voglio fare sesso con te. Subito mi sono messa a ridere, perchè visto come era ridotto, avrebbe dovuto essere armato per farmi del male. Ma quando non voleva più uscire, allora mi sono spaventata".

Prosegue l'insegnante: "Vattene via o chiamo la polizia, gli ho detto in inglese. E lui continuava a dirmi che voleva fare sesso. A quel punto ho detto, sempre in inglese, a una ragazza di chiamare i carabinieri e, alla fine, afferrandolo da un braccio, sono riuscito a metterlo fuori".

Conclude l'insegnante: "Da quella sera, però, ci alleniamo a porte chiuse. Siamo costrette a chiuderci a chiave e se qualche ragazza arriva in ritardo, ci avvisiamo tramite Whatsapp o per telefono, ma non lasciamo più la porta aperta. Abbiamo paura". Alla fine, quando sono arrivati i carabinieri, l'uomo era già sparito e sembra che fosse arrivato fino alla scuola di danza, pedinando due allieve che lo hanno riconosciuto.

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter
Necrologie