Ruba da un passeggino a due passi dal Commissariato, inseguimento in centro

L'uomo dopo aver rubato lo smartphone di una donna dalla borsa appesa al passeggino è scappato con la refurtiva nascosta nei pantaloni

Ruba da un passeggino a due passi dal Commissariato, inseguimento in centro
Ventimiglia, 07 Ottobre 2017 ore 17:57

Agenti della Polizia di Stato in forza al Commissariato di Ventimiglia, anche temporaneamente aggregati da altri Uffici di Polizia per il controllo del flusso migratorio in atto nella città, hanno arrestato un algerino di ventiquattro anni per furto aggravato. L’uomo, incurante della vicinanza del Commissariato cittadino e della presenza di altri avventori nel locale pubblico, in questa via Roma, ha disinvoltamente avvicinato una donna seduta all’interno del dehor di un bar ed è riuscito, con mossa fulminea e inaspettata, a sottrarre un telefono cellulare custodito all’interno della borsa temporaneamente appesa al manico del passeggino parcheggiato di fianco al tavolo.

All’interno della carrozzella il nipotino della donna, di soli due anni che, fortunatamente protetto in quel momento da un sonno profondo, non ha subito alcuna conseguenza. Le immediate grida di allarme dei presenti e la fuga precipitosa dell’autore del reato hanno messo in allarme gli Agenti di Polizia di una delle tante pattuglie di rinforzo in transito nei paraggi durante il suo servizio ordinario di perlustrazione e controllo delle vie cittadine. Gli operatori, velocemente informati e correttamente indirizzati da un sovrintendente di Polizia in borghese, già intervenuto sul posto pochi secondi dopo il fatto, hanno istantaneamente intrapreso un inseguimento che è proseguito fino alla vicina via Tenda dove lo straniero è stato raggiunto e bloccato.

Lo straniero, nato in Algeria nel 1993, è stato poi accompagnato nei vicini uffici di Polizia, sottoposto a perquisizione e ad accurati controlli e verifiche sulla sua identità. E’ risultato privo di qualsiasi documento, clandestino e senza fissa dimora in Italia, sbarcato solo due giorni prima sul territorio nazionale. Occultato all’interno del suo pantalone gli Agenti hanno rinvenuto lo smartphone rubato alla donna che poco dopo, ripresasi dallo shock iniziale, è stata felice di rientrare in possesso del suo telefono ancora perfettamente integro.

F.M. è stato arrestato nella flagranza del reato di furto aggravato e sarà trattenuto in ufficio in attesa dell’udienza di convalida presso il Tribunale di Imperia. L’azione, che è stata evidentemente immediata e particolarmente efficace, è da inserire nell’ambito della pregnante attività di prevenzione programmata secondo le indicazioni operative

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter
Necrologie