VINCE IL 67° FESTIVAL DI SANREMO FRANCESCO GABBANI CON OCCIDENTALI'S KARMA. SECONDA FIORELLA MANNOIA, TERZO POSTO PER ERMAL META

VINCE IL 67° FESTIVAL DI SANREMO FRANCESCO GABBANI CON OCCIDENTALI'S KARMA. SECONDA FIORELLA MANNOIA, TERZO POSTO PER ERMAL META
12 Febbraio 2017 ore 01:41

SANREMO - Vince la 67esima edizione con Occidentali's Karma Francesco Gabbani (vincitore della scorsa edizione delle Nuove Proposte) seconda Fiorella Mannoia, Terzo posto per Ermal Meta. Dopo la proclamazione si è letto distintamente il labiale di Gabbani rivolto a Fiorella che sembra averle chiesto sinceramente "scusami". In precedenza Gabbani aveva detto "mai mi sarei aspettato di essere vicino a Fiorella Mannoia in finale al Festival. Non è facile". Poco dopo il verdetto che ha decretato il suo trionfo.

 Il televoto aveva influito nella selezione per il 40%, mentre per il 30% quello della giuria demoscopica, che conta 300  fruitori di musica, rappresentativi della popolazione italiana, inoltre per il 30% ha pesato il parere della Giuria degli esperti presieduta da Giorgio Moroder e completata da Linus, Andrea Morricone (figlio di Ennio Morricone), Rita Pavone, (la cui esibizione ha fatto alzare il pubblico dell'Ariston ammirato dalll'artista 72enne (età da lei ribadita con orgoglio) il regista Paolo Genovese, l’attrice Violante Placido, la conduttrice radio e tv Giorgia Surina e la youtuber Greta Menchi.  

 

Così la classifica dal 4° al 16° posto. 

4° Michele Bravi

5° Paola Turci

6° Sergio Sylvestre

7° Fabrizio Moro 

8° Elodie

9° Bianca atzei

10° Smauel 

11° Michele Zarrillo

12° Lodovica Comello

13° Marco Masini

14° Chiara Galiazzo

15° Alessio Bernabei

16° Clementino

Fiorella Mannoia ha vinto il premio Sergio Bardotti per il miglior testo. Albano ha vinto il premiio Giancarlo Bigazzi per il miglior arrangiamento con Di rose e di spine. Il premio Tim Music (premio dello sponsor unico del Festival) a Francesco Gabbani

Ancora un riconoscimento per Ermal Meta. Dopo essersi assicurato il premio assegnato al vincitore nella serata delle cover, quando ha stupito tutti con Amara terra mia di Domenico Modugno, con la sua canzone al festival Vietato morire si è assicurato il Premio della critica 'Mia Martini' che ogni anno viene assegnato attraverso i voti dei giornalisti accreditati alla sala stampa dell'Ariston, premio assegnato alla categoria Campioni.

Sempre nel corso della serata finale a Fiorella Mannoia è andato il Premio della sala stampa radio&tv allestita al Palafiori di corso Garibaldi e ribattezzata "Sala Lucio Dalla". Ieri, la vittoria di Lele nella categoria dei Giovani, di Lele, poi l'esclusione - per gran parte di loro inattesa - dal 67° Festival di Sanremo di quattro big: Al Bano, Gigi D'Alessio, Ron e Giusy Ferreri.

Maurizio Crozza (dal 3 marzo il nuovo programma Fratelli di Crozza, sul canale Nove) dopo quattro copertine in diretta da Milano, questa sera era materialmente sul palco dell'Ariston. Ha scherzato sulla scelta di Maria De Filippi di non volere compenso per la sua partecipazione al Festivl: le ha dato 10 euro sostenendo di non poter lavorare gratis perché "diseducativo per i bambini" salvo poi farseli restituire giocando sulla proverbiale parsimonia genovese. Poi qualche cavallo di battaglia, inprimis il senatore Antonio Razzi,, quandi la new entry Trump, con un pezzo (Attaccati al Trump) intonato con la classica cadenza surreale nelle vesti dello stesso Razzi. “Carlo, il muro con il Messico va fatto, l’hai mai mangiata la cucina messicana? Capisci perché Speedy Gonzales va sempre di corsa?” ha scherzato il comico. 

 Le altre notizie de primalariviera.it (QUI)


Necrologie