Attualità
Verso il Polo Nord

"Vorrei che sparisse il Covid" Cosa chiedono i bimbi imperiesi a Babbo Natale

Ma anche gattini, mappamondi interattivi per tracciare i genitori e altro. Centinaia le letterine raccolte da Poste Italiane.

"Vorrei che sparisse il Covid" Cosa chiedono i bimbi imperiesi a Babbo Natale
Attualità 21 Dicembre 2021 ore 15:01

Anche quest’anno in provincia di Imperia  si sono raccolte moltissime letterine indirizzate a Babbo Natale, come racconta con una nota stampa la sezione imperiese di Poste Italiane.

 

Centinaia di letterine in volo verso il Polo Nord

Le letterine sono state imbucate nelle cassette di impostazione presenti sul territorio o affidate agli 89 Uffici Postali della provincia, o ancora  attraverso iniziative locali: nei  giorni scorsi, ad esempio,  molti  bambini imperiesi si sono incontrati presso il Villaggio di Babbo Natale in Villa Boselli, ad Arma di Taggia, dove hanno potuto spedire le loro missive verso il  Polo Nord, consegnandole direttamente a Dario, uno dei portalettere del Centro di Distribuzione Taggia, giunto sul posto per l’occasione  che, insieme agli elfi,  ha curato la raccolta.

 

Le richieste dei bimbi

Le richieste a Babbo Natale sono varie e spaziano in vari ambiti

 

Si legge in una nota di Poste Italiane

Marco dice “..volevo chiederti se potevi portare qualcosa per i bambini che stanno soffrendo nel mondo, per non farli più attraversare il mare al freddo”  e Giulia “Caro Babbo Natale quest'anno vorrei tanto avere un gattino, ma soprattutto, come prima cosa, vorrei che sparisse il covid” e ancora Leo “vorrei tanto un mappamondo interattivo , così quando il mio papà viaggia capirò dove va”.

 

Con un barlume di speranza che comincia a riaccendersi tra i piccoli che anelano al Natale per 364 giorni l'anno

Lo scorso anno erano molte le frasi e i pensieri che i più piccoli hanno dedicato all’emergenza sanitaria, quest’anno qualche cenno di speranza ricomincia ad affiorare.

 

 

Necrologie