Menu
Cerca
INDAGINE DELLA POLIZIA POSTALE

Adescava minori sui social per parlare di sesso: indagata una 20enne di Sanremo

La Polizia di Stato ha denunciato una donna di Sanremo che adescava minori sulle principali piattaforme di messaggistica istantanea

Adescava minori sui social per parlare di sesso: indagata una 20enne di Sanremo
Cronaca 02 Aprile 2021 ore 09:15

Denunciata dalla polizia postale una ventenne di Sanremo

Adescava ragazzini, in prevalenza tra i 13 e i 17 anni, utilizzando i più comuni sistemi di messaggistica istantanea come Telegram, WeChat o WhatsApp e con loro intraprendeva conversazioni piccanti, scambiando immagini anche a sfondo sessuale. Lei è una ventenne di Sanremo, incensurata, denunciata per adescamento di minori online. L'indagine, condotta dalla polizia postale di Bolzano e coordinata dalla procura distrettuale di Trento, è scaturita dalla denuncia dei genitori di un 12enne.

Nel corso della perquisizione

eseguita dagli specialisti della polizia postale di Imperia e di Genova, nel suo smartphone sono state trovate alcune centinaia di foto e contatti di minori. Questi adescamenti non erano finalizzati alla commissione di reati. La ventenne, infatti, non chiedeva soldi, non ricattava, non praticava abusi, ma agiva per semplice voyerismo o interesse nei loro confronti, inviando foto "attraenti".

Gli stessi minori adescati rispondevano

spinti da un reciproco interesse nei confronti della ragazza. Il problema, tuttavia, è che le foto di questi minori potessero finire in rete e successivamente in qualche canale a contenuto pedopornografico.

I ragazzi venivano adescati digitando una parola chiave sulla barra di ricerca di Telegram (poniamo il caso della parola "sesso", ma come semplice esempio per capirci) e iscrivendosi ai relativi canali. Una volta inserita in determinati gruppi e presi e contatti con i minori, avveniva lo scambio dei numeri di telefono e le persone potevano restare in contatto anche con atri sistemi di messaggistica, come WhatsApp, tramite i quali aderivano ad altri canali privati o si scambiavano semplicemente del materiale.

Necrologie