Cronaca
L'UDIENZA FISSATA AL PROSSIMO 2 MARZO

Assunzioni sotto inchiesta: 5 rinvii a giudizio, nei guai anche due militari della Marina

L’inchiesta mira a far luce su due episodi riguardanti l'induzione indebita a dare o promettere utilità e una presunta corruzione

Assunzioni sotto inchiesta: 5 rinvii a giudizio, nei guai anche due militari della Marina
Cronaca Imperia, 30 Novembre 2022 ore 18:09

L'udienza è stata fissata al 2 marzo 2023

Il gup Anna Bonsignorio di Imperia ha rinviato a giudizio, oggi, cinque persone tra cui due militari della Marina Militare, nell’inchiesta che mira a far luce su due episodi riguardanti l'induzione indebita a dare o promettere utilità (ex concussione) e una presunta corruzione, nell'ambito di altrettante assunzioni. La prima vicenda risale all'ottobre del 2017 ed ha visto finire nel registro degli indagati, con l'accusa di induzione indebita a dare o promettere utilità: S.M., 29 anni, volontario in ferma prefissata all’epoca in servizio in provincia di Imperia e G.P., 43 anni, all’epoca sottocapo della Marina Militare in servizio a Roma.

Secondo l'accusa del pm Salvatore Salemi

 i due avrebbero proposto a una giovane militare, in servizio a Imperia, di farle superare il concorso per la ferma prefissata di quattro anni. Il tutto in cambio di una somma di quattromila/seimila euro. La donna, che non accettò e denunciò l'episodio, aveva già superato le fasi selettive e attendeva soltanto la graduatoria finale.

Il secondo caso, quello sulla presunta corruzione

risale al luglio 201 e oltre ai due militari ha visto finire nei guai anche: D.S., 24 anni, aggiudicatario del concorso di volontario nell’esercito; il padre di quest’ultimo, C.S., di 58 anni e V.M, 58 anni, padre del militare ventinovenne. Secondo l'accusa, i due militari si sarebbero fatti consegnare mille euro  (in due tranche da 500 euro ciascuna) dal padre del futuro aggiudicatario del concorso.

A fare da intermediario sarebbe stato il padre del militare ventinovenne

che avrebbe preso il denaro consegnandolo al figlio. Il denaro sarebbe servito, tra l'altro, a correggere il voto dell'esame di terza media del candidato. Per entrambi gli episodi gli inquirenti ritengono che vi sia stato il coinvolgimento anche di un terzo militare non identificato. La data di inizio del processo è stata fissata al prossimo 2 marzo, davanti al giudice collegiale di Imperia.

Fabrizio Tenerelli

Seguici sui nostri canali
Necrologie