Cronaca

Blitz della Finanza nella sede di Rivieracqua. Indagati Donzella, Saldo e Balestra

E' in corso da circa mezz'ora un sopralluogo di militari della Guardia di Finanza nella sede di Rivieracqua in via Bresca a Oneglia. Si parla di avvisi di garanzia e di acquisizione di documentazioni

Blitz della Finanza nella sede di Rivieracqua. Indagati Donzella, Saldo e Balestra
Cronaca Imperia, 23 Novembre 2017 ore 11:00

Sopralluogo questa mattina dei militari della Guardia di Finanza nella sede di Rivieracqua in via Bresca a Oneglia e nella sede sanremese (presso gli uffici Amaie destinati a Rivieracqua in valle Armea). Si parla di avvisi di garanzia e di acquisizione di documentazioni. Non è chiaro se l'inchiesta abbia una qualche attinenza con gli sviluppi della situazione politica (la resa dei conti tra il sindaco Capacci e il PD) o con l'inchiesta tutt'ora in corso sui concorsi truccati che ha portato all'arresto nei mesi scorsi del direttore generale Gabriele Saldo e del presidente della commissione d'esame Federico Fontana. Tra l'altro tra la scorsa settimana e le scorse ore sia a Saldo sia a Fontana sono stati revocati per decorrenza dei termini gli arresti domiciliari ai quali erano finito lo scorso 22 agosto.

Sembra escluso che ad inviare la Finanza possa essere stata la Procura dopo aver ricevuto dal tribunale la documentazione relativa all'istanza di fallimento presentata nei giorni scorsi da Amat (un po' com'era avvenuto mesi fa in relazione all'istanza di fallimento del Mannini Group in capo a Marina degli Aregai, poi ritirata). La partecipata, di cui è appena caduto il consiglio d'amministrazione dopo le dimissioni polemiche di Pietro Mannoni,  vanterebbe un credito tra il milione e il milione e mezzo di euro (in quanto una parte sarebbe già stata saldata) è al centro del braccio di ferro tra il Partito Democratico e il sindaco Carlo Capacci.  Quest'ultimo difende l'operato di Amat e del suo presidente decaduto Barbara Pirero.

Le accuse contestate riguardano ipotesi di reato che vanno dalla truffa ai danni dello Stato al falso in bilancio, legato a spese personali e per consulenze esterne che non troverebbero riscontri reali.

Sarebbero indagati i componenti del consiglio di amministrazione, vale a dire il presidente Massimo Donzella e l'ex amministratore delegato e direttore generale Gabriele Saldo, dimessosi dopo l'arresto dell'agosto scorso, e la vice presidente Sonia Balestra.

In ogni caso sia Donzella che Saldo sono stati convocati negli uffici di Rivieracqua in via Bresca dalla Guardia di Finanza dove sono rimasti per diverse ore.

 

5 foto Sfoglia la gallery
Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter
Necrologie