Cronaca
Portosole

Cena di auguri con il Governatore Toti a Sanremo

Presenti tutti gli amministratori "arancioni", simpatizzanti e sostenitori da tutta la provincia.

Cena di auguri con il Governatore Toti a Sanremo
Cronaca 17 Dicembre 2021 ore 20:17

Il Governatore di Regione Liguria, Giovanni Toti ha scelto Portosole, a Sanremo, come location per la cena di auguri del suo movimento Cambiamo! Con Toti.

 

Cena di auguri di Cambiamo a Sanremo

 

Presenti anche l'assessore regionale Marco Scajola, gli amministratori della provincia in quota, o simpatizzanti, di Cambiamo! - i sindaci Armando Biasi (Vallecrosia), Marcello Pallini (Santo Stefano al Mare), Massimo Di Fazio (Triora), Cristiano Za Garibaldi (Diano Marina) e Mario Conio (Taggia), simpatizzanti e sostenitori da tutta la provincia. Presenti anche i responsabili CNA provinciale e regionale Morabito e Michele Breccione.

"Stare tra la gente"

In attesa dell'arrivo del governatore - alla cena che, per un attimo, è stata sul filo del rasoio a margine della situazione Covid in Liguria, che riporta, da lunedì, i liguri in zona gialla - l'assessore Scajola ha commentato "Grande reazione, di cuore, dei liguri a questa situazione di emergenza. Per il 2022 - prosegue - il nostro piano è certamente quello di lavorare. Di ascoltare, di stare tra la gente, di vivere le comunità. Anche nell'entroterra, spesso dimenticato dalle amministrazioni".

Il governatore Toti interviene sui contagi

“La provincia di Imperia, soprattutto verso il confine, risente delle altissime percentuali di contagio in Costa Azzurra e Provenza. Questa provincia, come già accaduto nel passato, ne paga le conseguenze più di altre zone della regione”. Così il presidente della Regione, Giovanni Toti, è intervenuto sull’impennata di contagi in provincia di Imperia, a margine della cena con gli amministratori imperiesi del proprio movimento politico, che è in corso in un ristorante di Portosole, a Sanremo.

“Ma gli ospedali, rispetto ad altre ondate che abbiamo già vissuto in questo territorio, sono tutto sommato in una situazione di relativa tranquillità - ha aggiunto - le percentuali di occupazione dei posti letto a livello regionale restano molto al di sotto della soglia arancione, diciamo appena al di sopra della soglia gialla”.

Per il Festival di Sanremo nessuna preoccupazione, ma attenzione

Riguardo l’approssimarsi del Festival di Sanremo (1-5 febbraio 2022) e l’innalzamento dei contagi (l'anno scorso tra Sanremo e Ventimiglia venne decretata la zona rossa), Toti ha dichiarato: “Non parlerei di preoccupazione. C’è attenzione, questo sì. Bisogna monitorare costantemente i dati”. Ed ha aggiunto: “Il 15 di gennaio scade la normativa attualmente in vigore nel Paese, il cosiddetto ‘decreto super greenpass’, che regola le misure di contenimento del Covid. Dopo le festività di capodanno, ci risiederemo al tavolo con il governo, analizzeremo la situazione della pandemia sia in termini di contagiati, sia in termini di circolazione del virus e ovviamente faremo tutte le nostre osservazioni al governo. Tenete presente che rispetto alle precedenti ondate, grazie alla straordinaria efficacia del vaccino, su ogni 100 contagiati un tempo ne avevamo in ospedale purtroppo 21, oggi ne abbiamo un po’ meno di 7”.

Sulle elezioni provinciali di domani

“Posso dire che centro destra ha saputo trovare le ragioni di unità, anzi di maggiore unità rispetto al passato; ha percorso la stessa strada che ha percorso alle regionali, quando tutti in questa provincia hanno appoggiato la mia candidatura, poi risultata vincente, sia chi aveva corso con noi negli anni passati, sia chi si è unito con noi in un secondo tempo. Quindi la scelta di un candidato unitario del centrodestra è sicuramente un dato positivo che fa ben sperare per l’unità della coalizione anche per le amministrative di primavera, sostanzialmente ovunque e quindi direi che è un risultato che sono soddisfatto si sia portato a casa in questa provincia dove il centrodestra in regione Liguria ha sempre avuto un valore particolare”.

Sulla viabilità e l’Autostrada dei Fiori

“Il piano definitivo di fine lavori non credo si potrà vedere prima di 36 mesi, salvo che non ci siamo ovviamente ulteriori situazioni ad oggi inesplorate e inaspettate. E’ chiaro che è un piano che andrà via via a diminuire il suo impatto, quindi con periodi di pausa come quello natalizio, che scatterà tra qualche giorno. Anche oggi i cantieri sono stati smontati come in tutti i fine settimana. Subito dopo le vacanze di Natale, programmeremo la primavera-estate per i ponti. E’ chiaro che sono lavori imponenti che riguardano le gallerie, i viadotti, le barriere fonoassorbenti: è un piano molto ambizioso, i disagi ci saranno ancora, speriamo sempre di meno e sempre più contenuti nel tempo".

La videointervista a Toti

la videointervista a Marco Scajola

7 foto Sfoglia la gallery

 

 

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter
Necrologie