CURIOSITA'

Colpo grosso: donna di Ventimiglia si aggiudica per 100 euro un Picasso da un milione

Una donna, Claudia Borgogno, 58 anni, di Ventimiglia, si è aggiudicata per 100 euro un dipinto di Picasso del valore di oltre un milione

Colpo grosso: donna di Ventimiglia si aggiudica per 100 euro un Picasso da un milione
Ventimiglia, 21 Maggio 2020 ore 10:45

Picasso

Una donna, Claudia Borgogno, 58 anni, di Ventimiglia, si è aggiudicata per 100 euro un dipinto di Picasso del valore di oltre un milione ad una lotteria di beneficenza volta a raccogliere fondi per progetti idrici in alcuni villaggi dell’Africa. Il sorteggio è avvenuto ieri sera alla casa d’aste Christie di Parigi.

Il quadro è una preziosa pittura a olio di Picasso del 1921 dal titolo ‘Natura Morta’, firmata e datata dall’artista. Si tratta di una composizione geometrica che rappresenta un pezzo di giornale e un bicchiere di assenzio. Era stata valutata oltre un milione di euro. Il progetto ‘1 Picasso per 100 euro’ organizzato dall’associazione benefica francese Aider les Autres (Aiuta gli altri) mira a raccogliere fondi per vari progetti umanitari.

“Non ho mai vinto niente prima”, ha commentato Claudia Borgogno, che – riferisce il Guardian – ha ricevuto il biglietto della lotteria come regalo di Natale. Ad acquistare due biglietti, uno per sè e uno per lei, era stato il figlio Lorenzo Naso, analista dei mercati all’Unione Europea che vive a Parigi ma era rimasto con sua madre in Italia durante il lockdown per il coronavirus.

Lo stesso sorteggio, previsto per marzo, era stato rinviato a causa della pandemia. L’opera era stata messa a disposizione dal miliardario e collezionista David Nahmad il quale otterrà per il quadro 900 mila euro, ma il valore del quadro, a suo giudizio, sarebbe di due o tre volte tanto. Il dipinto era la più piccola delle 300 opere di Picasso in suo possesso, la più grande collezione privata di opere dell’artista spagnolo.

Leggi qui le altre notizie

Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità