CUOCO UCCISO DAL COLLEGA A MONTECARLO: SIGILLI AL RISTORANTE. DISSAPORI SUL POSTO DI LAVORO COME PROBABILE MOVENTE

CUOCO UCCISO DAL COLLEGA A  MONTECARLO: SIGILLI AL RISTORANTE. DISSAPORI SUL POSTO DI LAVORO COME  PROBABILE MOVENTE
25 Febbraio 2017 ore 19:09

Ventimiglia – Sono stati apposti i sigilli al ristorante “Pulcinella”, di Montecarlo, scenario ieri sera di un efferato omicidio con il cuoco albanese di 30 anni: Ricard Nika, da anni ormai trapiantato a Bordighera, accusato di aver accoltellato il collega Alfio Fallica, di 30 anni, siciliano di origine, con il quale pare che ci fossero dei dissapori legati al mondo del lavoro. Ad oggi il movente non è stato ancora del tutto svelato, anche perchè il presunto killer si è trincerato dietro un muro di silenzio, in attesa della convalida dell’arresto, prevista per l’inizio della prossima settimana.

Nei dintorni del ristorante, tuttavia, parlano di un delitto maturato nel mondo del lavoro. Da quanto si apprende: erano circa tre anni che Alfio prestava servizio in quel ristorante “Pulcinella”; Nika, invece, da più o meno tre mesi. A quanto pare ci sarebbe stata una lite risalente a un mese fa, che avrebbe visto coinvolto anche un terzo impiegato del locale.

“Veniamo dal sud per costruirci un futuro e poi ti trovi di fronte a queste scene – ha commentato un cuoco pugliese, in servizio per un vicino ristorante -. Siamo tutti sotto choc”. L’arma del delitto, un coltello da cucina, è già stata recuperata ieri sera dalla polizia francese all’interno del ristorante. Alfio si era sposato nel giugno scorso, a Mentone, dove viveva, e stava mettendo su famiglia.


Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità