GUARDA LE FOTO

Degrado al cimitero di Ospedaletti, a denunciarlo è la sorella del sindaco

Protagonista dello "sbotto" è Amelia Cimiotti, sorella del sindaco Daniele, che in un post pubblicato sul proprio profilo denuncia il degrado del cimitero

Degrado al cimitero di Ospedaletti, a denunciarlo è la sorella del sindaco
Sanremo, 10 Novembre 2020 ore 16:42

Sorella del sindaco Cimiotti denuncia degrado al cimitero

“Questo è il cimitero della mia cittadina. Nei giorni della commemorazione dei defunti erano spariti gli annaffiatoi rotti, così si girava su e giù per le scale a cercare un annaffiatoio. Si vede che l’intera amministrazione comunale non frequenta il cimitero”. Protagonista dello “sbotto” su Facebook è Amelia Cimiotti, sorella del sindaco Daniele, che in un post pubblicato sul proprio profilo denuncia il degrado del cimitero cittadino. “Sappiate che ho scritto in Comune per la noncuranza con cui è gestito il servizio cimiteriale – conclude -. Se cambierà qualcosa e compreranno le rastrelliere a gettone, spero, come da me suggerito con apposite foto, non sarà stata opera dello Spirito Santo. Ai defunti si porta rispetto”.

“gestire un Comune non è come casa propria, comunque ho già bandito una gara”

“Anche poco prima della festa dei defunti avevo ricevuto delle segnalazioni, ma il Comune, purtroppo, non è come casa nostra – afferma il sindaco di Ospedaletti -. Abbiamo indetto un gara, ricevuto dei preventivi e li acquisteremo a breve. A Ospedaletti siamo tutti una comunità e questa cosa mi fa male”. Sul fatto che la rimostranza parta dalla sorella afferma: “Ognuno è libero di agire come crede. Sono due modi diversi di intendere il culto dei nostro defunti: io li prego e li saluto, ogni sera, prima di andare a dormire. C’è, invece, con pieno rispetto naturalmente, chi ha bisogno di recarsi sul luogo fisico. Purtroppo i tempi tecnici sono questi. Fra pochi giorni, comunque, avremo i nuovi annaffiatoi e la rastrelliera”.

Leggi qui le altre notizie

Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità