Estate

Dopo il primato di Bandiere Blu, Mar Ligure premiato anche dall’Arpal

Sui 380 punti in cui è stato suddiviso il litorale, cinque sono risultati non conformi: due nella nostra provincia

Dopo il primato di Bandiere Blu, Mar Ligure premiato anche dall’Arpal
Imperia, 25 Giugno 2020 ore 08:40

Arpal promuove il Mar Ligure

Disco verde per la balneabilità per il litorale della Liguria. Le analisi di Arpal, l’Agenzia regionale per la protezione dell’ambiente ligure, hanno ‘promosso’ 375 punti dei 380 monitorati lungo tutta la costa. Esito favorevole anche per il campione suppletivo effettuato nel tratto di Tellaro, a Lerici, nello spezzino, che torna quindi pienamente balneabile.

“Dopo il record di bandiere blu conquistate anche quest’anno dalla Liguria, incoronata regina italiana del mare – afferma l’assessore all’Ambiente Giacomo Giampedrone – l’esito delle analisi effettuate dai tecnici di Arpal conferma che il nostro litorale e le nostre acque sono tra le più belle e pulite della Penisola. Questo risultato speriamo sia apprezzato dai tanti turisti che hanno già scelto e sceglieranno durante tutta l’estate di trascorrere un periodo di vacanza sul nostro territorio”.

Cinque zone balneari ancora non conformi

Sui 380 punti in cui è stato suddiviso il litorale, cinque sono risultati non conformi. Il campionamento verrà ripetuto nelle prossime settimane. Si tratta di: Foce Torrente Prino (Imperia), e Corso Trento e Trieste (Sanremo), due tratti interni al porto di Rapallo (dove vige l’interdizione e il divieto cautelativo di balneazione) e il tratto Foce Rio Lasca, nel Comune di Finale Ligure, chiuso preventivamente con ordinanza del sindaco.