Due appuntamenti su bullismo, cyberbullismo e disagio giovanile

A San Bartolomeo al Mare, il progetto "Safety school". Domani alle 18 il primo incontro sul tema; il secondo giovedì 21 dicembre rivolto ai genitori

Due appuntamenti su bullismo, cyberbullismo e disagio giovanile
Golfo Dianese, 14 Dicembre 2017 ore 12:28

Nell'ambito del progetto "Safety school", San Bartolomeo al Mare organizza due appuntamenti di approfondimento sul tema del bullismo, cyberbullismo e disagio giovanile.

Venerdì 15 dicembre

Domani, venerdì 15 dicembre, l'appuntamento di approfondimento sarà alle ore 18 al Centro Giovani "Spazio 139", via Aurelia 139. La conferenza sarà sul tema "Bullismo, cyberbullismo e disagio giovanile".

Parteciperanno lo psicologo Innocente Ramoino e la pedagogista Daisy Augeri (Cooperativa Jobel). Entrambi sono impegnati da decenni nella prevenzione sul nostro territorio in modo da contrastare tale fenomeno con le corrette misure e supportare le vittime.

L'evento è organizzato in sinergia con il Lions Club Diano Marina, nell'ambito del Servizio di Cittadinanza Attiva. Al temine della conferenza si terra un piccolo rinfresco.

Giovedì 21 dicembre

Giovedì 21 l'appuntamento è alle ore 21 presso il Centro Sociale Incontro, Giardini I Maggio, 1. La conferenza sarà rivolta più esplicitamente ai genitori. "Internet, Smartphone e Social Media: uso e abuso. Tutela e protezione dei minori online" è il titolo. Relatore sarà l'esperto di educazione digitale Mauro Ozenda (Associazione Mani Colorate).

"Il fil rouge del progetto "Safety school" - dichiara Maria Giacinta Neglia, vice Sindaco e Assessore ai Servizi sociali del Comune di San Bartolomeo al Mare - realizzato con il contributo e il patrocinio del Comune di San Bartolomeo, continua ad arricchirsi grazie a due conferenze aperte a tutti, genitori, insegnanti, ragazzi, educatori, al fine di contribuire a costruire insieme una comunità educante. Ancora una volta il Comune di San Bartolomeo è al fianco delle famiglie per cercare di contribuire alla crescita consapevole dei ragazzi. Ciò è reso possibile grazie all'abnegazione e al contributo di tante associazioni di volontariato".

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter
Necrologie