Emergenza idrica a Taggia, arrivano 3 autocisterne

Stando a quanto riferito dal sindaco, l’inquinamento potrebbe essere stato causato magari da qualche animale che è entrato in contatto con l'acqua

Emergenza idrica a Taggia, arrivano 3 autocisterne
Taggia, 16 Gennaio 2020 ore 16:30

Emergenza idrica

E’ emergenza idrica a Taggia per circa 4.000 abitanti, a causa di un lieve inquinamento che ha interessato due vasche dell’acquedotto, in Regione Tuvi. Ieri l’ordinanza del sindaco del sindaco Mario Conio, di non potabilità dell’acqua a uso alimentare, oggi l’arrivo di tre autocisterne, che dovrebbero restare almeno fino a domenica prossima.

“Si tratta di un procedimento articolato e temiamo che almeno fino a domenica prossima l’acqua non tornerà potabile, per questo motivo abbiamo pensato di istituire un servizio di rifornimento idrico”.

Stando a quanto riferito dal sindaco, l’inquinamento potrebbe essere stato causato magari da qualche animale che è entrato in contatto con l’acqua, nei pozzi di emungimento, che si trovano poco lontani.

In questo caso l’iter prevede la disinfezione dell’acqua, compito quest’ultimo che spetta a Rivieracqua (gestore unico del ciclo integrato delle acque in provincia di Imperia), la quale effettua una prima serie di analisi, che comunica all’Arpal la quale effettua, a sua volta, degli altri prelievi. Se questi danno esito “negativo”, allora il servizio può essere ripristinato.

Leggi QUI le altre notizie

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità