Esplode la protesta a Ventimiglia: manifestanti bloccano il traffico sul ponte del Roya. Foto e video

Diverse decine di manifestanti hanno bloccato, poco prima delle 18, il traffico sul ponte Andrea Doria, a Ventimiglia, in segno di protesta

Esplode la protesta a Ventimiglia: manifestanti bloccano il traffico sul ponte del Roya. Foto e video
Ventimiglia, 27 Ottobre 2020 ore 18:22

Divampa la protesta a Ventimiglia, bloccato il traffico

Diverse decine di manifestanti al grido di “Vogliamo lavorare” hanno invaso (e in parte bloccato), verso le 18, il traffico sul ponte Andrea Doria, a Ventimiglia, in segno di protesta contro le disposizioni del decreto Conte. Tra questi ci sono operatori commerciali, negozianti, titolari di attività sportive, ma anche di sale giochi, che a Ventimiglia possono lavorare soltanto alla sera, in quanto vige un’ordinanza dell’ex sindaco Enrico Ioculano (Pd), attuale consigliere regionale, che spegne i videopoker dalle 7 alle 19. Sul posto è presente la polizia. La passerella, il cui transito è a senso unico verso il centro, collega il centro storico a quello moderno ed è percorso obbligatorio per i veicoli che arrivano dalla Francia.

“La gente deve lavorare, altrimenti scoppia la rivoluzione”

“La gente deve lavorare, chiede di lavorare, perché è un diritto e non si può più andare avanti così, altrimenti scoppia la rivoluzione”. A parlare è il titolare di un negozio di alimentari, uno dei manifestanti che in serata hanno invaso il ponte viario sul fiume Roya, a Ventimiglia. “Siamo qui per fare valere i nostri diritti – aggiunge – e per dire a questo Stato che più che di Covid, moriremo di fame, se la situazione continua di questo passo. Chiudere alle 18 i ristoranti significa condannarli a morte”.

Sul posto interviene anche il sindaco Gaetano Scullino ed è subito dibattito

Sul posto è intervenuto anche il sindaco della città di confine, Gaetano Scullino, che i manifestanti hanno chiesto di incontrare. Per strada sono scesi anche molti titolari di attività commerciali, soprattutto legate alla ristorazione, danneggiate dall’alluvione del 2 ottobre scorso e che non riescono a reggere anche quest’altro colpo, a poche settimane dal primo. “Io tengo aperto fino a mezzanotte o all’una e multe non ne piglio”, grida al sindaco uno dei manifestanti. “La mia famiglia chi me la mantiene? Tu o quel pezzo di m… di Conte?”.

Il corteo si è sciolto verso le 21.30

Leggi qui le altre notizie

Video

8 foto Sfoglia la gallery
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità