Frecciarossa deragliato a Lodi: sorella vittima lavora a Ventimiglia

Tragedia: al momento dell'incidente il treno andava a 290 km/h, alla massima velocità prevista, e a bordo c'erano 28 passeggeri

Frecciarossa deragliato a Lodi: sorella vittima lavora a Ventimiglia
Ventimiglia, 06 Febbraio 2020 ore 15:30

Frecciarossa

E’ dirigente del movimento alla stazione ferroviaria di Ventimiglia: Teresa Cicciù, sorella di Giuseppe, il macchinista morto, stamani, nella sciagura del treno Frecciarossa Av 9595 Milano-Salerno, deragliato sulla linea alta velocità nei pressi di Ospedaletto Lodigiano, in provincia di Lodi. Due i morti, entrambi ferrovieri, 31 i feriti. Il treno è il primo del mattino partito dalla stazione Centrale di Milano alle 5.10.

Al momento dell’incidente viaggiava a 290 km/h, alla massima velocità prevista e a bordo c’erano 28 passeggeri in tutto, oltre al personale di Trenitalia. Cordoglio da parte dei colleghi di lavoro di Teresa, che tra l’altro conoscevano la vittima. “Ancora non ci posso credere Peppe, caro amico mio riposa in pace”, è il loro foto-messaggio divulgato sui social.

Leggi QUI le altre notizie