GIORNALISTA AL FESTIVAL DERUBATO DI TUTTO MENTRE ATTENDE DI INCONTRARE ALBANO

GIORNALISTA AL FESTIVAL DERUBATO DI TUTTO MENTRE ATTENDE DI INCONTRARE ALBANO
Cronaca 11 Febbraio 2017 ore 15:11

SANREMO – Era al Grand Hotel del Mare di Bordighera in attesa di incontrare Albano, ospite del prestigioso albergo, quando ha subito il furto del cappotto, dello zainetto con i supporti e gli accessori di lavoro, oltre al portafogli con il denaro e tutti i documenti e carte di credito. Vittima del furto è il giornalista free lance e apprezzato cantante e musicista swing Matteo Brancaleoni, habitué del Festival di Sanremo tra i numerosi cronisti provenienti da tutta Italia e dal mondo accreditati allla sala stampa delll’Ariston.

“Ero al Grand Hotel di  Bordighera con altri giornalisti per intervistare Albano – racconta Brancaleoni cronista-artista che si divide tra Milano, Torino e la provincia di Cuneo – avevo lasciato il cappotto e lo zaino nella grande sala dedicata alle interviste e quando sono tornato a controllare non c’era più. Subito ho sperato che qualcuno lo avesse presi per sbaglio, ma dopo due giorni ho perso le speranze. Nel cappotto avevo anche le chiavi dell’alloggio che degli amici di Sanremo mi avevano prestato, sono così rimasto in camicia e telefonino e senza un soldo, perché nel cappotto c’era il portafogli con tutti i documenti, le carte di credito, persino il tesserino da giornalista e degli effetti personali. Sono 10 anni che vengo a Sanremo e una cosa così non mi era mai successa. Albano era amareggiato, mi ha fatto coraggio. Ero lì per parlare con lui del mio tour in Russia a maggio. Dall’hotel hanno subito sottolineato che non ero un cliente, mentre dovrebbero controllare dalle telecamere chi è entrato e uscito dall’hotel con la refurtiva”.

Matteo ha così avvertito la direzione dell’albergo: “Ho chiesto di chiamare i carabinieri, altrimenti l’avrei fatto io. Degli amici mi hanno poi portato in Caserma dove ho fatto denuncia. Senza un soldo, ho dovuto farmi prestare venti euro per il biglietto del treno. Il giorno stesso sono tornato a Torino dove ho rifatto tutti i documenti, il bancomat e quant’altro. Spero ancora di ritrovare il portafogli, almeno per gli effetti personali che contiene”.

Le altre notizie de primalariviera.it (QUI)


Condividi
Top news
Glocal news
Video più visti
Foto più viste
Idee & Consigli