Cronaca

Il tribunale ordina al Comune di Sanremo di dare la residenza a uno straniero

In questo modo, il ragazzo, che lavora regolarmente come operaio, potrà ottenere anche la carta di identità, aprire un conto in banca e regolarizzarsi

Il tribunale ordina al Comune di Sanremo di dare la residenza a uno straniero
Cronaca 13 Dicembre 2019 ore 19:45

Residenza

Il giudice civile del tribunale di Imperia ha ordinato al Comune di Sanremo (inaudita altera parte) di dare la residenza (precedentemente negata) a un ucraino di vent'anni, richiedente asilo politico. Si tratta del primo caso in provincia di Imperia.

Il legale del giovane straniero

l'avvocato Sonia Fallico, ha infatti presentato richiesta di provvedimento d'urgenza (ex articolo 700 cpc) e il giudice, in attesa della decisione nel merito, tenendo presente il cosiddetto "fumus bonus iuris" ovvero il potenziale pregiudizio per lo straniero, nell'attesa di una definizione del procedimento, ha deciso di accordare la residenza.

In questo modo, il ragazzo, che lavora regolarmente come operaio, potrà ottenere anche la carta di identità, aprire un conto in banca e regolarizzarsi. La vicenda è legata a una differente interpretazione del cosiddetto "Decreto Salvini".

Da una parte, infatti

c'è quella più restrittiva del Comune, secondo il quale la residenza non può essere accordata agli stranieri, la cui domanda di asilo sia ancora pendente; dall'altra c'è l'interpretazione più estesa, secondo cui la residenza non può essere data con procedura accelerata e cumulativa (l'esempio della cooperativa che spedisce i nominativi di tutti richiedenti al Comune), ma non può neppure essere negata, se chiesta con singola procedura.

Leggi QUI le altre notizie

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter
Necrologie