CHIESA E PANDEMIA

Il vescovo Suetta: “Nell’altra faccia del Covid, la riscoperta dei valori rottamati”

"Il Covid ha un'altra faccia, quella di portare le persone a riflettere su stili e scelte di vita, che possono essere stati troppo in fretta rottamati"

Il vescovo Suetta: “Nell’altra faccia del Covid, la riscoperta dei valori rottamati”
Imperia, 20 Ottobre 2020 ore 17:17

Covid

“Il Covid ha anche un’altra faccia, quella di portare le persone nel loro insieme, quindi la società e i singoli, a riflettere su stili e scelte di vita, che possono essere stati troppo in fretta rottamati e che, invece, tornano a essere significativi e importanti, come la fiducia reciproca e il valore della famiglia”.

Dalla tragicità del virus la riscoperta della famiglia e della fiducia

Ormai nel clou della seconda ondata di contagi da Coronavirus, il vescovo di Ventimiglia e Sanremo, Antonio Suetta, intende con questa parole lanciare un messaggio di conforto, in modo che la gente possa “approfittare” di queste restrizioni per riscoprire i valori della vita.

“Le restrizioni potrebbero insegnarci qualcosa di buono”

“Stili e scelte di vita – prosegue – riscoperti anche per cause di forza maggiore, come altri aspetti legati al tempo libero, ad esempio il valore della lettura. Vorrei, dunque, invitare a sfruttare positivamente una situazione di per sé negativa, che comunque potrebbe insegnarci qualcosa di buono, tipo la riscoperta di alcuni aspetti della quotidianità, che spesso diamo per scontati e impariamo ad apprezzare quando ci vengono a mancare. Siamo così abituati ad andare di corsa, che le cose ci sfuggono, mentre il fermarsi ci permette di valutare meglio e capire di più”.

In merito alla “fiducia reciproca” il vescovo si riferisce alle precauzioni che ognuno di noi deve adottare anche nel rispetto dell’altro ma anche allo smart working.

Leggi qui le altre notizie

Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità