L’ACCORATO APPELLO DI DON MATTEO: “DA UOMO A UOMO: RESTITUITECI IL NOSTRO GESU’ BAMBINO!”

L’ACCORATO APPELLO DI DON MATTEO: “DA UOMO A UOMO: RESTITUITECI IL NOSTRO GESU’ BAMBINO!”
11 Gennaio 2017 ore 08:38

E’ un accorato appello ai ladri “da uomo a uomo” anzi ” da “fratello a fratello” quello di don Matteo Boschetti, il parroco di Pontedassio la cui canonica, nella notte tra sabato e domenica, è stata depredata dai ladri che hanno portato via reliquie e oggetti preziosi del valore – pare – di parecchie migliaia di euro.

Ma è soprattutto del pregiato e venerato Gesù Bambino dall’alto valore simbolico che don Matteo chiede ai ladri la restituzione: “Il nostro Bambinello non può diventare un oggetto da museo, non è fatto per il feticismo di qualche collezionista”.

Lettera aperta ai ladri della canonica di Pontedassio

“Tante volte in momenti difficili si sperimenta l’amicizia, la forza di una comunità e soprattutto l’aiuto di tanti, primi fra tutti per umanità e solerzia il nucleo dei Carabinieri di imperia – scrive Don Matteo in una lettera inviata a tutti i giornali – Il furto di sabato ha turbato me, e ancora di più tutta la mia comunità di Pontedassio, per la modalità, per le cose rubate, perché il male fa sempre tanto rumore, e tanto altro male genera. Però come parroco e come fratello non posso non esporre il mio rammarico per l’azione che avete fatto. A volte si può provare umanità per chi ruba per fame, simpatia per chi deruba il ricco, come un novello Robin Hood, per dare ai poveri.

“Però non posso che sentire sdegno e disprezzo per chi ruba al povero, qualsiasi scusa possa accampare. La parrocchia non è ricca, non è sede di chissà quali introiti, con tanta fatica pago le bollette e copro la manutenzione della chiesa, non ho attici superlusso, anzi avete visto voi stessi casa mia, i mobili Ikea e le tante bollette da pagare sulla scrivania… ma gli argenti? La cassaforte non celava chissà quali richezze? Si la parrocchia possedeva alcuni importanti, belli e preziosi arredi, frutto non di regalie, o speculazioni finanziarie, ma comprate dai poveri per i poveri, anzi per il più Povero! Le cose che adesso sono nelle vostre mani sono il sudore, la fatica di generazioni, sono lo sforzo di un paese che ha voluto il meglio, non per il parroco, ma per tutti, perché quei calici erano per la Messa e la Messa è di tutti, è per tutti, e per fortuna i sacrifici dei tanti che gli hanno offerti non sono di certo nel metallo tra le vostre mani, ma sul Libro della Vita “dove ladri non arrivano e la tignuola non consuma”.

“Ma un ultimo appello da Uomo a Uomo, anzi di più, da Fratello a Fratello, (perché anche se mi hai umiliato è così che ti vedo) è il più importante per me, che mi faccio voce di tutto il paese: restituiteci subito il nostro Gesù Bambino! Il nostro Bambinello non può diventare un oggetto da museo, non è fatto per il feticismo di qualche collezionista, ha raccolto i baci di generazioni e generazioni di pontedassini, che la notte di Natale gli si sono avvicinate con tante ansie nel cuore, gli hanno confidato i dolori e le angosce di due secoli di storia del nostro paese, era il sorriso dei bambini che in lui vedevano riflessa la gioia stessa del Natale.

“Almeno il Gesù Bambino deve tornare! Non potete tenerlo tra le vostre mani, impunemente, senza sentirne il rimorso, senza che bruci tra le vostre dita, perché non è da essere umani umiliare la preghiera dei semplici e farsi beffe della fede dei poveri. Restituiteci il nostro Gesù Bambino!

Don Matteo Boschetti


Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità