Cronaca
IL CASO

Lettera anonima con insulti contro il sindaco Biasi di Vallecrosia

"‘Un sindaco che taglia gli alberi del proprio paese è un delinquente. Nel resto del mondo piantano alberi, tu invece li elimini...'”.

Lettera anonima con insulti contro il sindaco Biasi di Vallecrosia
Cronaca Vallecrosia, 30 Novembre 2022 ore 16:25

Il sindaco di Vallecrosia è stato insultato in una lettera anonima

Questa mattina sono qua davanti al mio ufficio perché ieri mattina alzando la serranda del mio ufficio ho trovato questo biglietto dedicato a me da parte di qualche anonimo che si è divertito ad insultarmi. Esattamente il bigliettino dice: ‘Un sindaco che taglia gli alberi del proprio paese è un delinquente. Nel resto del mondo piantano alberi, tu invece li elimini, complimenti stronzo'”.

Inizia così il video sfogo del sindaco di Vallecrosia, Armando Biasi, che è stato destinatario di un biglietto anonimo, con il quale viene insultato, reo di aver voluto tagliare gli alberi di via Don Bosco, al posto dei quali dovrebbe sorgere una pista ciclabile.

Il ragionamento che ho fatto dal primo giorno che sono stato eletto, e ho voluto insieme alla mia squadra amministrare la città di Vallecrosia, per farla crescere non nell’ottica della rincorsa del voto o del clientelismo - ha aggiunto - ma nell’idea di far crescere con visione una città, attraverso un insieme di azioni, di ricerca di finanziamenti, di opere pubbliche che possano finalmente sdoganare questa città da città dormitorio e da città abituata ai piccoli obiettivi, al giardinetto”.

E ancora: ”Tra l’altro, se si arriva a questi, diciamo, messaggi di auguri di Natale, è anche perché alcune forze di minoranza di Vallecrosia, in queste settimane hanno fomentato all’inverosimile alcuni cittadini, hanno fatto credere loro che tutto è dovuto. Mi riferisco prevalentemente alla via Don Bosco, dove in questo messaggio si è fatto credere che gli alberi che venivano tagliati poi non venivano ripiantumati, che alberi alberi che ormai sono malati, e in qualche caso anche pericolosi, si preferiva che venissero lasciati lì al loro posto”.

Conclude Biasi: “Io tranquillizzo tutti: gli alberi sono già ordinati, sono alti 2,10 metri, per cui anche la preoccupazione innaturale verrà trasferita in quello che accadrà, cioè si vedranno gli alberi.  Tornando invece a questo messaggio, tranquillizzo tutti che io continuerò a lavorare per il bene comune, continuerò a impegnarmi con la mia squadra sempre in quell’ottica che il bene comune è al di sopra di tutti. Sicuramente le opere si vedranno a loro totale realizzazione e i cittadini potranno capire esattamente quelle che sono programmazione e progettualità”.

 

Seguici sui nostri canali
Necrologie