Lucia Scajola e Paolo Petrucci convocati con le tre parti offese dalla Postale il 17 settembre

Indagati per diffamazione aggravata Lucia Scajola e Paolo Petrucci dovranno assistere o nominare dei periti per gli accertamenti tecnici sui loro computer sequestrati

Lucia Scajola e Paolo Petrucci convocati con le tre parti offese dalla Postale il 17 settembre
Imperia, 12 Settembre 2018 ore 17:40

Primo atto ufficiale, dopo le perquisizioni e i sequestri dei computer e di altri supporti informatici, nell’inchiesta che vede indagati per diffamazione aggravata Lucia Scajola, figlia dell’ex ministro e attuale sindaco di Imperia, Claudio, e il cugino Paolo Petrucci, ex consigliere comunale di Forza Italia, giocatore di poker professionista e croupier del Casinò di Sanremo. Dovranno comparire (ma sarà sufficiente inviare un perito di fiducia) il prossimo 17 settembre negli uffici della polizia postale di Imperia per assistere agli accertamenti tecnici proprio sui computer sequestrati. Da quei computer, secondo il procuratore Grazia Pradella e la Postale, denigravano e insultavano con espressioni colorite (rosiconi, perdenti, nocivi, scemunito, asino, leccaculo etc) il cugino Marco e i candidati e sostenitori del rivale di Scajola, Luca Lanteri.

L’invito a comparire è stato inviato anche alle tre parti offese, vale a dire il cugino Marco Scajola (principale bersaglio delle invettive lanciate attraverso un profilo facebook fasullo di tale Sergio Gazzano, sequestrato dalla polizia) e i rivali politici di Forza Italia Piera Poillucci e Antonello Ranise, quest’ultimo rieletto all’ultima tornata. In particolare, per quanto riguarda Marco Scajola, vengono contestate frasi del tipo: “Si tolga dai piedi quell’inutile” e “Adesso finirà peggio di prima” oppure “finirà male e pure Luca (Lanteri, ndr) pagherà per le sue colpe”.

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità