Cronaca
raggiunto il numero minimo di studenti

Lucinasco festeggia la riapertura della scuola dopo dieci anni

A Lucinasco, piccolo centro della valle Impero, nell’entroterra di Imperia, dopo dieci anni, oggi è tornata a suonare la prima campanella

Lucinasco festeggia la riapertura della scuola dopo dieci anni
Cronaca 14 Settembre 2022 ore 12:27

Riapre dopo anni la scuola primaria di Lucinasco

A Lucinasco, piccolo centro della valle Impero, nell’entroterra di Imperia, dopo dieci anni, oggi è tornata a suonare la prima campanella. Grazie al raggiungimento del numero minimo di 8 alunni (previsto per aprire una scuola di montagna) è infatti stata riaperta la scuola primaria. Si tratta di una pluriclasse formata da due bambini italiani e altri sei di origine albanese, anche se le loro famiglie vivono già da tempo nel nostro Paese e quindi i figli si possono considerare italiani a tutti gli effetti.

Siamo davvero contenti - afferma Marilena Abbo, sindaco del piccolo centro (303 abitanti) -. Abbiamo calcolato, che il numero minimo sarà garantito, almeno fino 2028 e quindi la scuola potrà restare aperta”. Un disagio in meno per gli studenti, che fino all’anno scorso, per recarsi all’istituto di Borgomaro, dovevano viaggiare per un’ora e un quarto in autobus all’andata e per altrettanto al ritorno. “Penso che la scuola faccia parte dei servizi essenziali per la vita di una paese - prosegue il primo cittadino - così come l’ambulatorio e l’ufficio postale”.

La pluriclasse sorge in un edificio storico del centro del paese, in un’ala del palazzo comunale. “E’ sempre stata lì - conclude Abbo -. Si tratta dello stesso istituto che ho frequentato io, negli anni ’60 (del secolo scorso, ndr). Speriamo che il numero di studenti possa crescere con il passare degli anni”. Si tratta di una scuola a modulo, in quanto a differenza di quella a tempo pieno è aperta al mattino con solo due rientri pomeridiani, che prevedono il servizio mensa. 

Fabrizio Tenerelli

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter
Necrologie