Cronaca
Imperia

Nella notte in arrivo 40 profughi tra donne e bambini "Devono sentirsi protetti"

Appello per trovare delle "famiglie di riserva" disposte a ospitare gli sfollati in fuga dalla guerra in Ucraina.

Nella notte in arrivo 40 profughi tra donne e bambini "Devono sentirsi protetti"
Cronaca Imperia, 12 Marzo 2022 ore 08:37

Arriveranno tra le 23:00 e le 3:00 del mattino, al casello di Imperia Ovest, 40 profughi in fuga dalla guerra in Ucraina e saranno accolti dalle famiglie dell'imperiese.

 

In arrivo 40 donne e bambini in fuga dalla guerra

"Sono settimane che vivono senza una casa, a -12°, sotto le bombe - spiega Matteo Lodi, il referente dell'organizzazione che si occupa dell'accoglienza - hanno bisogno di stare al caldo, di dormire, di mangiare e di sentirsi protetti. Partiranno verso mezzogiorno, poi noi faremo una riunione e man mano ascolteremo gli aggiornamenti degli autisti.  L'orario di arrivo stimato è tra le 23:00 e le 3:00 del mattino". Gli sfollati in fuga dall'invasione russa arrivano tutti dal confine tra Ucraina e Ungheria.

 

I protocolli sanitari

"Saranno accolti con le mascherine e i test antigenici rapidi - spiega Lodi -  poi subito a casa delle famiglie che ospiteranno le donne e i minori. Facciamo i tamponi autogestiti, perché è l'unica altra alternativa sarebbe passare cinque ore, nel cuore della notte, al Palasalute. Forniremo anche delle mascherine che ci hanno regalato delle farmacie amiche".

 

L'appello per le riserve

Inizialmente si pensava che il pullman sarebbe arrivato con la luce del giorno, ma l'arrivo nel cuore della notte presenta un problema: alcune famiglie potrebbero non avere la possibilità di andare ad accogliere i profughi nel cuore della notte. Per questo, Matteo Lodi, lancia un appello, c'è bisogno di "famiglie di riserva". Chiunque fosse interessato può contattare su Facebook il profilo Matteo Olmo Teo o telefonare al numero 335 6262838 e offrirsi come "backup" nel caso qualche famiglia non riuscisse ad organizzarsi.

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter
Necrologie