Cronaca

Passata Mutti all'arsenico? E' una bufala, la smentita dalla Polizia Postale

Oltre a smentire la fake news sulla passata Mutti, la Polizia Postale consiglia anche come difendersi dalla miriade di notizie false dal web

Passata Mutti all'arsenico? E' una bufala, la smentita dalla Polizia Postale
Cronaca Golfo Dianese, 17 Novembre 2017 ore 15:50

Passata Mutti all'arsenico?

Da giorni è diventato virale su whatsapp un falso comunicato stampa del Ministero della Salute nel quale viene segnalato un presunto richiamo dal mercato di un lotto di passata Mutti in vendita nei supermercati Conad, perché contaminato da tracce di velenosissimo arsenico.  Verosimimilmente la notizia ha creato un certo allarmismo, magari sarà capitato anche a voi di imbattervi nel messaggio sotto accusa, ma state tranquilli, si tratta di una bufala bella e buona.

Fake news smentita dalla Polizia Postale

A smentire la fake news in primisi la Polizia Postale in una nota sul sito istituzionale, in seguito si sono uniti al coro anche il Ministero della Salute e la stessa Mutti spa che in questi giorni è stata bombardata di telefonate da parte di consumatori preoccupati. E' il messaggio pubblicato sul sito della Polizia Postale dal titolo 'Attenzione Bufala sul Web - Falso richiamo passata Mutti', che invita "tutti coloro che dovessero ricevere questo messaggio di non condividerlo ma di cestinarlo".

"Attenzione al web"

"Le fake news, e questa ne è un esempio - scrive la Polizia - hanno lo scopo di stimolare l'attenzione dei lettori su argomenti che destano curiosità; in realtà hanno la finalità di diffondere informazioni distorte o completamente false. Nel 'caso Mutti' la notizia della presenza di arsenico in un lotto di produzione potrebbe determinare un grave danno economico oltre ad un danno all'immagine dell'azienda. Ed ecco, pertanto, che la combinazione tra la struttura dei social network e una limitata capacità di attenzione determina la diffusione virale di una notizia, benché falsa. Diventa fondamentale, quindi, fornire soprattutto ai più giovani degli strumenti per riconoscere le notizie false da quelle vere, valutando ciò che viene proposto, in particolare sui social network, con spirito critico e attento, unica difesa contro le manipolazioni del 'cattivo giornalismo'

Il falso comunicato

 

1 foto Sfoglia la gallery

 

Leggi QUI le altre notizie de La Riviera.it

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter
Necrologie