Cronaca

PIGNA DICE SI' AI MIGRANTI: MA NON PIU' DI 6/ NO ALL'IPOTESI DI TRATTATIVE CON PARODI

PIGNA DICE SI' AI MIGRANTI: MA NON PIU' DI 6/ NO ALL'IPOTESI DI TRATTATIVE CON PARODI
Cronaca Ventimiglia, 09 Giugno 2017 ore 12:11

Pigna - "Abbiamo condiviso, vista la situazione nazionale, che non ci si può esimere dal senso civico di ospitare i migranti a Pigna. Noi siamo disponibili a collaborare purché per un numero limitato a sei persone". Lo ha dichiarato il sindaco di Pigna, Daniela Simonetti, all'indomani dell'incontro pubblico che si è tenuto, ieri sera, in sala consiliare, nel piccolo centro della val Nervia, alla presenza di un centinaio di persone tra abitanti e amministratori.

Nel corso dell'incontro è emersa la disponibilità di destinare gli attuali locali sede della Protezione Civile (ex Croce Rossa) all'accoglienza degli stranieri, anche se il sindaco sarebbe più propenso a non toccare quei locali pubblici, auspicando che ci possa essere un privato che possa mettere a disposizione uno stabile per quel limitato numero di persone. A dir il vero c'era stata anche la proposta del costruttore Pier Giorgio Parodi di mettere a disposizione un paio di stabili (si parla dell'ex ristorante Pigna d'Oro e dell'ex Mulino), ma in questo caso il Comune sarebbe fortemente contrario a qualsiasi trattativa, essendo Parodi ancora debitore verso l'erario, in quanto ad oneri di urbanizzazione per la costruzione delle Terme.

Fabrizio Tenerelli


Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter
Necrologie