Cronaca
FOTO E VIDEO

Processo Moussa Balde: imputati scortati da polizia, no border gridano: "Razzisti, assassini"

Al grido di “Assassini razzisti merde siete e merde resterete”, i no border hanno aggredito i tre imputati al processo per lesioni

Processo Moussa Balde: imputati scortati da polizia, no border gridano: "Razzisti, assassini"
Cronaca 09 Dicembre 2022 ore 15:07

I tre imputati sono stati accolti da insulti

Al grido di “Assassini razzisti merde siete e merde resterete”, un gruppo di no border, stamani, davanti al tribunale di Imperia, ha aggredito verbalmente i tre imputati italiani accusati di lesioni per aver preso a sprangate, il 19 maggio 2021: Moussa Balde, 23 anni, il migrante della Guinea, che pochi giorni dopo (il 23 maggio) si impiccò nel Cpr di via Brunelleschi a Torino.

Durante una pausa del processo, i tre imputati

Ignazio Amato, 29 anni, di Palmi (Reggio Calabria), Francesco Cipri, 40 anni e Giuseppe Martinello, 45 anni, entrambi originari della provincia di Agrigento - accompagnati dall’avvocato Marco Bosio, sono usciti per andare al bar e sono incominciati i cori.

Circa venti manifestanti hanno cominciato a suonare i tamburelli

intonando cori di insulti. Senza neppure sapere come sono andati i fatti, hanno accusato i ragazzi italiani di razzismo e di aver lasciato quasi in coma il giovane straniero, che invece aveva riportato lesioni meno gravi. Nel corso della mattinata, gli attivisti dei centri sociali hanno anche mostrato e cantato slogan del tipo: “Cpr non ne vogliamo più, colpo su colpo li tireremo giù”; “Moussa è vivo e lotta insieme a noi, le nostre idee non moriranno mai”.

Fabrizio Tenerelli

Il video degli imputati scortati dalla polizia

processo moussa balde tribunale di imperia no border protesta sit in_02
Foto 1 di 3
processo moussa balde tribunale di imperia no border protesta sit in_03
Foto 2 di 3
processo moussa balde tribunale di imperia no border protesta sit in
Foto 3 di 3
Seguici sui nostri canali
Necrologie