Cronaca

"Salvi tra le fiamme di Taggia, graziati da un colpo di vento"

La testimonianza del falegname Massimo Carraro: "Bagnavamo gli alberi intorno al capannone"

"Salvi tra le fiamme di Taggia, graziati da un colpo di vento"
Cronaca Taggia, 25 Giugno 2022 ore 08:07

"Il fuoco correva dal mare verso i monti e noi eravamo proprio sulla sua strada" così racconta Massimo Carraro, falegname, proprietario di un capannone nella zona interessata dalle fiamme nello spaventoso incendio di Taggia che, tra domenica e lunedì scorsi, ha ridotto in cenere ottanta ettari di bosco.
"Abbiamo lottato disperatamente contro il tempo e le fiamme che erano velocissime, bagnando con la poca acqua a disposizione il verde introno al nostro capannone nuovo. Poi, il miracolo: per un colpo di vento l’incendio ha deviato il suo percorso passandoci affianco. Non so cosa sarebbe potuto accadere, sennò". L'articolo completo in edicola con il settimanale La Riviera

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter
Necrologie