Sicurezza al Festival: ultime novità e zona cuscinetto tra Ariston e via Volturno

È stata creata una nuova “zona cuscinetto”, arretrando le barriere al lato dell’Ariston fino all’intersezione con Via Volturno

Sicurezza al Festival: ultime novità e zona cuscinetto tra Ariston e via Volturno
Sanremo, 31 Gennaio 2019 ore 18:24

I servizi di ordine e sicurezza in occasione del Festival di Sanremo sono stati disposti dal Questore della provincia di Imperia, Cesare Capocasa, con delle novità rispetto agli anni scorsi. In particolare barriere antipanico e nuova zona cuscinetto.

Molte le novità per la 69esima edizione del Festival di Sanremo

“Molte le novità sul versante della safety, e cioè i dispositivi e le misure strutturali a tutela dell’incolumità dei cittadini – sottolinea il questore – In primis le barriere  antipanico a cinturazione del red carpet, luogo di maggior afflusso di pubblico. Tali dispositivi vengono di solito utilizzati in contesti in cui vi è una folla che si dirige verso una sola direzione (come in occasione dei concerti) e sono progettate in modo tale che non sia possibile ribaltarle, nonostante la pressione del pubblico”.

È stata creata una nuova “zona cuscinetto”, arretrando le barriere al lato dell’Ariston fino all’intersezione con Via Volturno, così da evitare la commistione tra il pubblico e gli addetti ai lavori di Radio Rai  quotidianamente impegnati  in quella zona con i set per le riprese.

L'”Area di massima sicurezza”, alla quale si potrà accedere attraversando i 3 varchi (2 su C.so Matteotti e 1 in Via Mameli) ove tutti verranno sottoposti a un controllo con i metal detector, sarà presidiata da Unità Specializzate della Polizia di Stato e dell’Arma dei Carabinieri (rispettivamente le U.O.P.I. e le S.O.S.).

Potenziato il numero di agenti addetti al filtraggio del pubblico

Inoltre è stato previsto un maggior numero di operatori addetti al filtraggio, così da evitare che, nei momenti clou della giornata, le persone debbano attendere troppo tempo per accedere all’area.

La Polizia Postale, anche a seguito del protocollo firmato la tra Rai e il CNAIPIC (Centro Nazionale Anticrimine Informatico per la Protezione delle Infrastrutture Critiche), tramite i suoi esperti informatici monitorerà la rete da una sala operativa appositamente allestita.

Vietato nella zona rossa lo spray al peperoncino

Così come previsto per Capodanno, anche nella cd. zona rossa sarà vietato introdurre lo spray al peperoncino, onde evitare che venga utilizzato in maniera inappropriata.

Su richiesta del Questore sono state implementate le misure di sicurezza strutturali e organizzative da parte della Rai.

Unico accesso da via Mameli. Previsto un body scanner

All’accesso di Via Mameli, il solo utilizzabile dai possessori di biglietto per far ingresso nel teatro, sono stati installati sofisticati body scanner, un apparato per la verifica ed analisi di liquidi e una macchina radiogena portatile.

Inoltre, attraversato il suddetto varco, il pubblico verrà smistato in apposite bande incanalatrici che formeranno dei veri e propri corridoi fino all’ingresso in sala, evitando così che si crei confusione all’ingresso e accertando, al contempo, che solo i possessori di biglietto facciano accesso al teatro.

I pass per l’Ariston dotati di un lettore RFID

Rivoluzionato anche il sistema degli accrediti, i cd. pass, forniti di un lettore RFID che svolgono la duplice funzione di contare e individuare le persone presenti all’interno del teatro e “respingere” coloro che non sono abilitati ad accedere all’area, grazie ad appositi lettori presenti a ogni varco.

Tali pass, a differenza del passato, verranno distribuiti presso un “punto accrediti” esterno al teatro e posizionato in Via Volturno. In tal modo, coloro che ritirano il pass, per entrare all’Ariston dovranno necessariamente ritornare ai varchi di accesso e sottoporsi ai relativi controlli.

Anche il Palafori si è adeguato alle nuove direttive, implementando le già collaudate misure di sicurezza. Sono stati previsti un maggior numero di steward che controlleranno tutte le persone che accederanno all’area e installate telecamere aggiuntive. L’ingresso principale è stato dotato di un conta persone, potendo così conoscere in ogni momento il numero di presenti nell’edificio.

Inoltre, la città sarà presidiata giorno e notte dalle pattuglie specializzate della Polizia di Stato e dell’Arma di Carabinieri nelle operazioni di controllo del territorio.

“Non c’è divertimento senza sicurezza” afferma il Questore Capocasa, in una cornice di sicurezza integrata in cui assumono identico rilievo tanto i profili della security quanto quelli della safety.

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità