Cronaca
RITO ABBREVIATO

Tentò di far esplodere l'abitazione della sorella, condannato a 8 anni

Grosso aveva saturato di gas la villetta dove abitano la sorella e il cognato, assieme a due figlie, con l'intenzione di farla esplodere

Tentò di far esplodere l'abitazione della sorella, condannato a 8 anni
Cronaca 11 Marzo 2021 ore 08:35

Tentò di far esplodere l'abitazione della sorella, condannato

E' stato condannato a otto anni di reclusione e una provvisionale di 30 mila euro, con le accuse di tentata strage, furto e porto abusivo d'armi, Alberto Grosso, 53 anni, l'ex meccanico di Villanova d'Albenga che l'11 settembre scorso aveva tentato di far saltare in aria l'abitazione della sorella e del cognato, a Villanova d'Albenga. Grosso aveva architettato il suo piano criminale a causa di una eredità contesa con i familiari.

Il processo si è svolto con il rito abbreviato

il pubblico ministero aveva chiesto 12 anni. Grosso aveva saturato di gas la villetta dove abitano la sorella e il cognato, assieme a due figlie, con l'intenzione di farla esplodere. Al momento della sua azione i suoi congiunti erano in vacanza.

Era stato un maresciallo dei carabinieri (la caserma è nei pressi della villetta) a percepire odore di gas e a far scattare l'allarme. Prima di saturare l'immobile di gas, Grosso aveva rubato anche i gioielli della sorella e del cognato e poi era fuggito impossessandosi dell'auto della sorella, poi si era costituito ai carabinieri di Pieve di Teco.

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter
Necrologie