Toti a tu per tu con Castellucci per salvaguardare la Banca Carige

Toti: "dopo la tragedia del Ponte Morandi la Liguria non si sarebbe potuta permettere anche il fallimento del suo Istituto di Credito"

Toti a tu per tu con Castellucci per salvaguardare la Banca Carige
11 Novembre 2020 ore 17:13

“Salvare i risparmiatori liguri: questa è l’unica ragione per cui ho discusso telefonicamente con Giovanni Castellucci di un possibile intervento di Atlantia, di cui allora era amministratore delegato, nel salvataggio di Banca Carige. Si è trattato di un contatto sollecitato da tutti i soggetti interessati al salvataggio dell’Istituto di Credito genovese. A due mesi dalla tragedia del crollo di Ponte Morandi, la Liguria non si sarebbe potuta permettere anche il fallimento del suo Istituto di Credito, motivo per cui ogni ipotesi per evitarlo è stata presa in considerazione in quei momenti, compreso un eventuale intervento di Atlantia”. Lo afferma il Presidente della Regione Liguria Giovanni Toti, commentando l’intercettazione con Giovanni Castellucci.

Il governatore sottolinea che “qualsiasi intenzione da parte di Castellucci di ottenere appoggi da parte del governo per la sua azienda non ha trovato in me alcuna sponda. A ulteriore riprova di questo – rimarca Toti – resta il fatto che, come sottolinea il giudice per le indagini preliminari, nessuna promessa al riguardo è stata fatta durante la conversazione e che in ogni caso nulla è accaduto poiché l’ipotesi di un ingresso di Atlantia nel capitale di Carige è subito sfumata”.

Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità