Truffa da 513mila euro per la vendita di due appartamenti a Sanremo: 3 condanne in tribunale

Il tribunale di Imperia ha condannato, oggi, a 9 mesi di reclusione (più 400 euro di ammenda) ciascuno e al risarcimento, in solido, di 482mila euro: Roberto Rivotti, 53 anni, di Cuneo; Mauro Ernesto Flecchia, 62 anni, di Torino e Roberto Scotton, 63 anni, di Lodi, ma domiciliato a Sanremo, con l'accusa di truffa in concorso.

Truffa da 513mila euro per la vendita di due appartamenti a Sanremo: 3 condanne in tribunale
Pubblicato:

Il tribunale di Imperia ha condannato, oggi, a 9 mesi di reclusione (più 400 euro di ammenda) ciascuno e al risarcimento, in solido, di 482mila euro: Roberto Rivotti, 53 anni, di Cuneo; Mauro Ernesto Flecchia, 62 anni, di Torino e Roberto Scotton, 63 anni, di Lodi, ma domiciliato a Sanremo, con l'accusa di truffa in concorso.

I fatti. Nel mirino c'è la compravendita di due appartamenti di corso Inglesi, proprietà di Domenico Grassano (difeso dall'avvocato Alessandro Moroni): uno dei quali condotto in locazione dalla convivente di Scotton (quest'ultimo considerato, tuttavia, il vero conduttore) e l'altro dalla figlia di quest'ultima. Cosa succede.

Grassano sarebbe stato indotto a rilasciare procura immobiliare a vendere i due appartamenti, alla società "Kontrolle Und Sicherheit Investigazioni e sicurezza", società che faceva capo a Rivotti, ma di cui Flecchia lasciava intendere di avere proprietà e controllo.

Il tutto facendo credere che un avvocato di Torino era interessato all'acquisto di uno degli appartamenti e che il rilascio del mandato alla società di investigazioni avrebbe consentito una gestione più sicura dell'affare, trattandosi di società che recuperava crediti per conto di Unicredit.

Tutto bene, se non fosse che alla fine Rivotti, secondo quanto contenuto nel capo d'accusa, in forza alla procura, vende i due appartamenti (con prezzo di alienazione pari a 513mila euro) con la parte offesa (Grassano) tenuta all'oscuro e privata di qualsiasi corrispettivo. Il collegio difensivo era formato dagli avvocati: Alberto Leone (Cuneo); Maurizio De Nardo (Torino) e Giovanni Cicerano (Imperia).

Seguici sui nostri canali
Necrologie