Cronaca

Ultimo giorno di servizio per il Maresciallo Espedito Longobardi

Va in pensione una vera e propria istituzione della Valle Argentina. Gli affettuosi messaggi dei cittadini e dei colleghi

Ultimo giorno di servizio per il Maresciallo Espedito Longobardi
Cronaca Taggia, 30 Novembre 2017 ore 16:39

Ultimo giorno di servizio per il Maresciallo Espedito Longobardi

Dopo anni di onorato servizio è giunto il momento, per Espedito Longobardi, storico Maresciallo Capo comandante della Stazione dei Carabinieiri di Badalucco di andare in pensione. Come già aveva annunciato sulle pagine de La Riviera, quando lo avevamo intervistato a margine della sua nomina a assessore del comune di Taggia, intervista in cui disse che presto avrebbe lasciato l'Arma, il giorno fatidico è arrivato.

L'affetto dei cittadini

Il miltare è una vera e propria istituzione della Valle Argentina e non solo, dal Saccarello al Mar Ligure la sua confortante presenza, a bordo dell'auto di pattuglia, ha rassicurato generazioni intere. Per lui oggi è arrivato il termine di una lunga carriera, costellata di riconoscimenti. A testimoniare l'impegno dell'uomo e la sua notorietà i numerosi messaggi di affetto, comparsi soprattutto sulla pagina Facebook di Longobardi. "Oggi un Amico va in pensione - scrive Franco Boeri di Olio Roi - tante idee diverse e discussioni ma sempre tanta stima fra noi, lui ha veramente amato la nostra valle e Badalucco come tutti noi, ti auguro tanti bei pescioni sulla tua barca e pochi fastidi sulla tua scrivania in comune. Unti auguri". Un collega "Una buona parte della carriera l 'abbiamo condivisa...un caro abbraccio ad Espy nel suo ultimo giorno di servizio". C'è anche chi affettuosamente ironizza " Da questa sera aumento delle droghe leggere del 300%" a ricordo dell'impegno del Maresciallo Longobardi nella lotta alla proliferazione degli stupefacenti tra i giovani, problematica che aveva (ed ha) molto a cuore.

Leggi QUI le altre notizie de La Riviera.it

 

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter
Necrologie