Cultura
STORIA E TRADIZIONE

Bordighera celebra il proprio legame col il tennis con una mostra e un libro

La città delle palme celebra il suo storico legame con la terra rossa con l'esposizione "Bordighera Lawn Tennis Club e le racchette Sirt"

Bordighera celebra il proprio legame col il tennis con una mostra e un libro
Cultura Bordighera, 05 Agosto 2021 ore 19:23

Un libro e una mostra per celebrare il tennis a Bordighera

La città delle palme celebra il suo storico legame con la terra rossa con l'esposizione "Bordighera Lawn Tennis Club e le racchette Sirt", da domani presso l'ex Chiesa Anglicana e il volume "Il tennis a Bordighera dal 1878 ad oggi". Nel 1878 la comunità inglese fondò a Bordighera il primo club tennis d'Italia; nacque così il legame mai interrotto tra la città delle palme e questo nobile sport. Nell'ultimo biennio il Comune ha pianificato il rilancio del circolo Bordighera Lawn Tennis Club con diversi investimenti volti ad ammodernare le strutture e, con la collaborazione del Piatti Center di Riccardo Piatti, ha promosso l'immagine turistica e sportiva della città senza tralasciare l'importanza della sua storia e della sua tradizione.

Proprio in questa direzione si sviluppa il progetto dell'esposizione "Bordighera Lawn Tennis Club e le racchette Sirt", che avrà luogo presso il Circolo Culturale dell'ex Chiesa Anglicana da venerdì 6 a sabato 21 agosto. Si potranno ammirare le prime racchette "Sirt" prodotte dalla fabbrica dei fratelli Billour, le foto storiche del circolo e tanti inediti documenti legati al mondo del tennis, alla storia di Bordighera e alle vicende dei tanti, illustri personaggi inglesi e stranieri che hanno frequentato la città delle palme dalla seconda metà dell'Ottocento.

Sarà inoltre occasione

per presentare e promuovere il libro dedicato al circolo tennistico che l'Amministrazione Comunale ha commissionato alla storica Gisella Merello. Il volume, che si intitola "Il tennis a Bordighera dal 1878 ad oggi" ed è disponibile sia in italiano sia in inglese, comprende i contribuiti di Alessandro Umberto Belluzzo, Luigi Berlino, Barbara Borsotto, Maurizio Massaccesi, Gisella Merello, Antonello Randone, Salvatore Sodano e Beppe Verri; ricco di testimonianze, foto e documenti anche inediti, oltre a raccontare la nascita del tennis e della prima fabbrica di racchette apre un interessante spaccato sul contributo che la comunità britannica diede allo sviluppo economico, sociale e culturale di Bordighera.

Le dichiarazioni del sindaco Vittorio Ingenito

"Abbiamo il dovere di essere consapevoli della storia e della specificità della nostra Città per poterle valorizzare e farle diventare volano di crescita e sviluppo; per questo abbiamo creduto in questa iniziativa e continueremo in questa direzione", ha detto il Sindaco Ingenito. "Il mio ringraziamento a Gisella Merello per l'eccellente lavoro di ricostruzione storica; ai fratelli Randone proprietari del marchio Sirt per i prestiti delle racchette e degli allestimenti museali; a Riccardo Piatti per aver offerto tutta la sua collaborazione alla realizzazione di questo importante progetto; a Maurizio Massacesi, Presidente del Bordighera Lawn Tennis Club 1878, per l'impegno profuso in questi ultimi tre anni nel circolo; all'avvocato Alessandro Belluzzo per il suo prezioso contributo, volto anche a consolidare i rapporti di amicizia con il Regno Unito; alla maison Daphné Sanremo per le sue creazioni dedicate all'evento ed infine a tutti coloro che hanno collaborato a questo importante appuntamento della stagione estiva di Bordighera." L'esposizione sarà aperta dal 6 al 21 agosto presso il Circolo Culturale dell'ex Chiesa Anglicana, tutti i giorni dalle 10 alle 13 e dalle 17 alle 22.

8 foto Sfoglia la gallery
Necrologie