Cultura

Scavi romani al "giro del don", sorprendenti reperti alla luce

La campagna agli scavi romani del Giro del Don ha dato i suoi frutti per questo 2017. scoperte nuove tombe ed i resti di un vero e proprio gigante

Scavi romani al "giro del don", sorprendenti reperti alla luce
Cultura Taggia, 23 Luglio 2017 ore 09:37

A cavallo tra Arma di Taggia e Riva Ligure, gli scavi romani del Giro del Don concedono una nuova sorpresa, come scrive il Secolo XIX.

Scavi romani: la campagna in positivo

Sta per concludersi tra gli allori la campagna di scavi nel sito del Giro del Don.  Ufficialmente terminerà venerdì prossimo, ma ormai gli archeologi penseranno a ripulire ed a coprire il bacino. Sul sito di quella che sembra essere una basilica paleocristina, sono state scoperte 18 tombe e parte della pavimentazione della chiesa. I reperti sono risalenti a cavallo tra il periodo del tardo Impero Romano e l'inizio del Medioevo.

Il team

A condurre gli scavi Philippe Pergola dell'Università di Aix-Marseille. Un luminare di fama internazionale, ricercatore dell'Istituto Pontificio di Archeologia Cristiana. Sul "campo" Alessandro Garrisi, direttore del cantiere coadiuvato da Daniele Castiglia e Elia Kas Hanna. Con loro circa una trentina di ricercatori e dottoranti provenienti sia dall'Italia che da istituti esteri.

I dettagli

Gli archeologi hanno scoperto altre 18 tombe, tra cui una chiamata " a Cappuccina" sul sito paleocristiano.  Sono stati rinvenuti i resti di diversi bambini. Sorprendente il ritrovamento delle ossa di un uomo di circa 30 anni, insolitamente alto per l'epoca. I suoi e gli altri resti saranno sottoposti all'esame del carbonio 14. Tutti gli esami a cui le ossa saranno sottoposte sono finalizzate a dare un'idea più precisa del periodo al quale risalgono e a cercare di capire i dettagli, come la causa della morte.

Leggi QUI le altre notizie de La Riviera

 

Seguici sui nostri canali
Necrologie