Economia
Economia

Confcommercio: Siamo alla frutta, aumento dei costi un problema da risolvere subito

L'associazione di categoria ha presentato una piattaforma programmatica da presentare ai politici e ai candidati alle elezioni politiche

Confcommercio: Siamo alla frutta, aumento dei costi un problema da risolvere subito
Economia Imperia, 19 Settembre 2022 ore 12:19

ConfCommercio Imperia ha presentato una piattaforma programmatica che verrà inviata a tutti i candidati locali alle prossime elezioni. Si tratta di una serie di problematiche che il settore sta affrontando a cominciare dall'aumento dei costi di energia elettrica e gas che rischia di mettere in ginocchio una lunga serie di imprese locali.

Enrico Lupi, presidente provinciale ConfCommercio Imperia: "Con questa piattaforma programmatica vogliamo impegnare i candidati alle elezioni politiche su diverse tematiche. Evidentemente la più urgente è quella dei costi schizzati all'impazzata dell'energia elettrica e del gas. Ci tengo a sottolineare che la nostra è una preoccupazione dell'economia in generale e non legata a un solo settore: i costi esasperati si riflettono sui consumatori finali. Non c'è la possibilità di aspettare, i costi stanno già colpendo le imprese e c'è necessità di intervenire immediatamente".

 

Americo Pilati, presidente provinciale di Federalberghi: "Siamo alla frutta, se non arriveranno aiuti a breve probabilmente gli alberghi non apriranno questo inverno, questo è un dato di fatto. In più qualche albergo "debole" in gestione rischia la chiusura. Siamo estremamente preoccupati, inutile dire che la stagione quest'anno è andata da Dio, gli incassi in più dell'estate li abbiamo già spesi in elettricità e tutti gli aumenti che ci sono stati. Si immagini io ho incassato 60mila euro in più quest'anno e li ho già spesi tutti. C'è molta preoccupazione". E aggiunge: "Non ho più voglia di parlare con i politici per discutere degli stessi problemi che ha la Liguria da oltre 40 anni. Li conoscono bene, io sono arrabbiato e deluso dalla politica".

 

Luigi Giuliani, presidente provinciale e vice presidente nazionale di Assipan (panificatori): "Se continua così a Natale non avremo più il pane artigianale sulle nostre tavole ma solo quello industriale. Questo i politici devono capirlo e darsi una mossa. L'impatto che avevamo sulle bollette di luce e gas era del 5%, ora è salito al 20%. Questi costi aggiunti agli altri aumenti come quello della farina porterebbero a un aumento del prezzo del pane tale da non riuscire più a venderlo".  E aggiunge: "abbiamo già fatto richiesta del credito di imposta ma quello non basta, il tempo che arrivi abbiamo già chiuso. Ci serve liquidità".

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter
Necrologie