LA CRISI POST PANDEMIA

Confesercenti interviene sui ristori, Scibilia: "Seguire il modello di Sanremo"

"Per ora solo il sindaco Alberto Biancheri ci ha dato massime garanzie sul vincolo dei fondi e sulla giusta ripartizione"

Confesercenti interviene sui ristori, Scibilia: "Seguire il modello di Sanremo"
Economia 22 Giugno 2021 ore 08:41

Confesercenti interviene sui ristori in provincia di Imperia

Il Governo Nazionale ha deliberato nell’ambito dei ristori Covid un fondo di una riduzione della Tari corrispettiva per le categorie economiche interessare dalle chiusure o restrizioni obbligatorie causate dalla pandemia. "Tale fondo - dichiara Sergio Scibilia segretario provinciale di Confesercenti - è assegnato a tutti i Comuni italiani e anche in provincia di Imperia ci sono stanziamenti insufficienti ma importanti".

In particolare: Imperia oltre 600mila euro, Diano Marina 190mila euro, Bordighera 186mila, Sanremo 1,1 milioni, Ventimiglia quasi 350mila, Taggia 166mila euro. "Per ora - prosegue Scibilia - solo il sindaco Alberto Biancheri ci ha dato massime garanzie sul vincolo dei fondi e sulla giusta ripartizione alle imprese danneggiate. Confesercenti chiede a tutti i 65 Comuni di procedere con lo stesso criterio adottato da Sanremo dandone la giusta pubblicità e comunicazione sulle modalità".

Interviene anche Ino Bonello, presidente provinciale Confesercenti: "Si devono predisporre sgravi diretti ed automatici sulla tassa comunale a tutte le utenze non domestiche in ogni città. Le difficoltà economiche dovute alla pandemia, non sono terminate con la sola riapertura delle attività, molte imprese hanno accumulato debiti, molti oggi devono ripartire con il pagamento dei mutui e delle esposizioni , a causa di regolamenti bancari restrittivi".

E poi. "La caduta generale della spesa delle famiglie registrata nell’anno della pandemia ha inciso pesantemente sulle attività di prossimità, del turismo e dei servizi, portando in molti casi ad un drammatico peggioramento delle condizioni di molti nuclei familiari. I sostegni messi in campo finora, tra ristori e indennizzi, in molti casi sono stati purtroppo insufficienti a garantire la continuazione dell’attività e la tutela di molte imprese . Il danno economico sarà spalmato in un lungo periodo e proseguirà ancora. Pertanto questo fondo Tari deve essere attivo al più presto, confidiamo pertanto nella efficienza dei nostri Comuni, attendendo le relative delibere degli organi competenti".

Necrologie