Economia

Italia-Francia: Confesercenti chiede un Comitato di cooperazione transfrontaliera

Italia-Francia: Confesercenti chiede un Comitato di cooperazione transfrontaliera
Economia Imperia, 29 Dicembre 2021 ore 10:17

Confesercenti chiede l'istituzione di un comitato di cooperazione transfrontaliera

"Per meglio strutturare la politica transfrontaliera italo-francese si dovrà istituire un Comitato di cooperazione transfrontaliera, designando rappresentanti delle collettività locali interessate, dei raggruppamenti locali di cooperazione frontaliera esistenti, dei rappresentanti degli Stati e delle amministrazioni centrali e parlamentari".

E' quanto afferma Confesercenti Imperia, Alla luce del trattato firmato, ikl 26 novembre scorso, dal presidente del Consiglio Mario Draghi e dal Presidente della Repubblica Francese, Emmanuel Macron, al Quirinale. Il cosiddetto “Trattato per una cooperazione bilaterale rafforzata”.

Per Confesercenti: "Il Comitato potrà associare secondo le necessità e in ragione delle tematiche affrontate il Principato di Monaco quale membro osservatore".

E' previsto di programmare un'esercitazione annuale di protezione civile

tra unità di soccorso dei dipartimenti di confine, con l’obiettivo di creare a termine delle squadre congiunte di protezione civile tra le regioni e i dipartimenti di confine; avviare i negoziati su un accordo transfrontaliero sulla cooperazione tra istituzioni sanitarie, che preveda, particolarmente in  caso di urgenza o crisi, il sostegno e il coordinamento degli interventi di urgenza e di primo soccorso, la continuità nelle cure ospedaliere, l’intervento di professionisti della salute abilitati all’esercizio della professione in caso di mancanza temporanea di professionisti specializzati, la cooperazione con i professionisti della salute pubblica locale, la condivisione di expertise e l’organizzazione di esercitazioni congiunte.

"Tra i settori chiave - afferma il segretario provinciale di Confesercenti, Sergio Scibilia - ci sarà anche la mobilità ferroviaria transalpina, che nello sviluppo coordinato e sostenibile richiesto dal Trattato, assumerà un interesse strategico, in quanto nel futuro i due Stati dovranno mirare ad una rete di trasporti transfrontaliera ferroviaria, stradale e marittima sempre più integrata".

Sono, quindi, interessate le nostre linee ferroviarie tra le Alpi ed il Mediterraneo

ma anche la linea costiera tra Cannes e Alassio, per esempio; o i collegamenti tra i porti, rilanciando i progetti di collegamenti via mare, già proposti da Confindustria, nonché il tragico traforo del Colle di Tenda che dovrà essere terminato.

"L'articolo 10 è scritto per risolvere e valorizzare la nostra ferrovia di Val Roya - prosegue Scibilia - e ne indica i punti cardini che sono quelli necessari per superare le attuali difficoltà e le beghe burocratiche che stanno impedendo e ostacolando il volo ad una linea internazionale".

Il Trattato è chiaro: "Si devono facilitare l’organizzazione dei servizi transfrontalieri di trasporto merci e persone verso le zone toccate dalla tempesta Alex-Brigitta e far uscire dall’isolamento la val Roya; bisogna approvare la nuova dalla Convenzione intergovernativa che inquadri le modalità di manutenzione corrente e di sfruttamento della linea Cuneo-Breil-Ventimiglia e intraprendere azioni comuni per un rapido ripristino dell’infrastruttura di questa linea e per il suo adeguamento ai fini del ritorno a livelli di servizio commerciale adeguati". Conclude Scibilia: "Questo è il “Patto del Quirinale” che ora dovrà essere rettificato dai rispettivi Parlamenti e messo in atto , creando nuovi progetti di cooperazione e di sviluppo nelle regioni Liguria, Piemonte e Sud coinvolgendo il Principato di Monaco".     

Confesercenti, infatti, ha scelto di inviare i documenti sottoscritti a tutti i sindaci della provincia

per evidenziare l'importanza di un trattato che coinvolgerà nei prossimi anni tutti i territori ed in prima fila gli enti locali. "Il potere centrale ha disegnato in modo preciso una strada futura che se i nostri amministratori sapranno utilizzare - dichiara il presidente provinciale di Confesercenti, Ino Bonello - cambierà le abitudini delle nostre popolazioni".

Un Trattato che recita “si rinnova l’ambizione comune dell’Italia e della Francia quali membri fondatori nel progetto europeo. In tutti gli ambiti di cooperazione l’Italia e la Francia si adopereranno per un’Europa forte, democratica, unita e sovrana. Esse sono portatrici in questo quadro di numerose priorità europee che nello spirito del Trattato si dipanano nell’insieme dei settori di cooperazione che esse intendono sviluppare. Questo programma di lavoro precisa le assi e i progetti di cooperazione che i due Paesi intendono attuare in applicazione dei principi posti dal Trattato”.

"La frontiera terrestre italo-francese - prosegue Bonello - viene indicata come un bacino di vita interconnesso  in cui le popolazioni italiane e francesi condividono un destino comune e con questo patto i due Paesi s’impegnano a facilitare la vita quotidiana degli abitanti , desiderose di favorire una migliore conoscenza reciproca delle loro società civili, in un’ottica di cittadinanza europea, in particolare tra le giovani generazioni".

Necrologie