CORONAVIRUS

App immuni: Sonia Viale, i liguri non saranno cavie del governo

"Appimmuni? No, grazie.  Per quanto mi riguarda i liguri non saranno le cavie di un governo che improvvisa anche sull’App immuni"

App immuni: Sonia Viale, i liguri non saranno cavie del governo
26 Maggio 2020 ore 11:37

App immuni

Appimmuni? No, grazie.  Per quanto mi riguarda i liguri non saranno le cavie di un governo che improvvisa anche sull’App immuni”. A parlare è il vice governatore della Liguria, nonché assessore alla Sanità Sonia Viale, che interviene sul progetto di creare una App per tracciare gli immuni e verificare la vicinanze con persone infette o in quarantena.

“Perché non inizia la sperimentazione la regione Lazio che ha come suo Presidente il segretario del Pd? – avverte l’assessore -. Se poi anche il Presidente della Conferenza delle Regioni Bonaccini in pratica ha bocciato l’app immuni presentata ieri dal Governo alle Regioni dicendo che fa fatica a capire cosa è e cosa sarà, ci sarà un motivo”.

Secondo Viale: “Il Governo è corso ai ripari tentando di sbolognare il progetto ad alcune Regioni tra cui la Regione Liguria con una sperimentazione che dovrebbe partire il lunedí o martedí quando ancora non ci sono pareri definitivi e con una serie di quesiti non risolti sollevati addirittura dal Copasir, comitato parlamentare per la sicurezza della Repubblica, e senza aver informato i medici di medicina generale che saranno protagonisti e coinvolto gli uffici di prevenzione che dovranno sovrapporre il lavoro dell’app immuni a quello già svolto”.

Sull’utilità per sconfiggere la pandemia: “Tutta da verificare , tra algoritmi , distanze tra i tracciati, durata dei contatti , uso dei dati personali.
I liguri saranno le cavie del Governo Pd Cinque Stelle? No grazie”.

Leggi qui le altre notizie

Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Curiosità