Politica
Luca Garibaldi

Bilancio "Zero euro per liste d'attesa"

Il capogruppo PD-Articolo Uno spara a zero sulla manovra di bilancio presentata oggi dalla giunta regionale

Bilancio "Zero euro per liste d'attesa"
Politica Imperia, 19 Dicembre 2022 ore 17:57

Il consigliere regionale del Partito Democratico Luca Garibaldi interviene a margine della presentazione, avvenuta quest'oggi nel parlamento ligure, della manovra di bilancio per gli anni 2023-25 stilata dall'assessore competente e presidente della giunta Giovanni Toti

 

Bilancio "Niente per liste d'attesa, 4 milioni per la promozione"

«Di fronte a Liste d’attesa che non riescono a essere smaltite, a causa del totale fallimento del Piano Restart, con un piano socio sanitario non ancora rinnovato, Toti presenta il bilancio senza affrontare il tema della Sanità e non destina un euro in più al sistema sanitario ligure, che invece avrebbe avuto bisogno di grandi risorse aggiuntive, mentre prevede 4 milioni al capitolo comunicazione. Nonostante la situazione drammatica della sanità ligure, non c’è una misura netta, né sul personale, né sui Pronto Soccorso, né sul recupero delle liste d’attesa, né sul supporto al personale sanitario, né sul rafforzamento della medicina territoriale (guardia medica e medici di base), soprattutto nelle aree interne. Risorse in più per nuovi progetti: zero. Nessuna volontà politica di invertire la rotta, osserva il capogruppo del Partito Democratico Articolo Uno e relatore di minoranza Luca Garibaldi.

 

"Nel bilancio non si pensa ai giovani"

“Questa - prosegue Garibaldi - è solo una delle tante contraddizioni che costellano questa manovra. Nella Regione più anziana d’Italia - dove l’età media della popolazione è di 49,9 anni; i NEET sono 32mila (più del numero degli iscritti all’Università di Genova), e l’abbandono scolastico ha percentuali sempre più crescenti - non ci sono misure a sostegno dei giovani per formazione e lavoro. Si pensa invece solo a tagliare, adeguandosi a un trend nazionale, che invece di puntare sull’istruzione pensa ad accorpare istituti e chiudere plessi scolastici. Mentre in una Regione come la nostra, dove ogni due anni si perdono 30 mila giovani, servono azioni straordinarie per assicurare loro un futuro dignitoso e un progetto di vita, invece pensare di agevolare i giovani prevedendo la cancellazione dell’IRAP ad aziende under 35 è una goccia nel mare rispetto alle reali necessità”.

 

Le misure in campo in altre regioni

“Siamo di fronte a una manovrina, anche in termini di aiuto alle famiglie e sostegno alla povertà - aggiunge Garibaldi -  non basta tagliare l’IRPEF ai redditi più bassi, per rispondere alle difficoltà economiche che investiranno una fascia sempre più ampia della popolazione a causa dell’inflazione - che in Italia supera l’11% e colpisce in maniera devastante i consumi delle famiglie - e del caro energia, un’emergenza che sta colpendo in maniera diffusa tutto il tessuto ligure. Altre Regioni hanno deciso di definire fondi specifici per calmierare gli impatti più acuti, sia sulle famiglie a basso reddito che su imprese e associazioni. Nel Lazio sono stati stanziati 35 milioni - parametrati alla Liguria, si tratta di 9 milioni di euro - una cifra sostenibile per riattivare crescita e consumi. Eppure, anche in questo caso, non un euro in più a questa voce, né per le famiglie, né per le associazioni, né per le RSA, né per le piscine e gli impianti sportivi. Così come, non si accelera pienamente sulla sostenibilità: 100mila euro per le comunità energetiche, quando nelle altre regioni stanziano 15 milioni di euro, è indicativo della scarsa volontà di scommettere sulle rinnovabili. Una scarsa volontà dimostrata anche  dal mancato rinnovo del Piano energetico regionale scaduto da anni. Uno dei tanti Piani in ritardo, visto che si sta ancora aspettando il rinnovo del Piano sociale, mentre la povertà invece cresce. Quella alimentare ad esempio è cresciuta del 30% e più del 35% dei lavoratori vive di un “lavoro povero”; sono aumentati a dismisura le morosità incolpevoli, senza che venissero accompagnate da aumenti adeguati negli stanziamenti regionali, così come le associazioni antiusura segnalano situazioni sempre più complesse da gestire, ed è in aumento il fenomeno del gioco d’azzardo patologico. Quali reti, quali servizi, quali iniziative di contrasto alla povertà sono state introdotte per ridurre gli impatti della recessione? Anche in questo caso, la risposta è nessuna nuova iniziativa”, commenta Garibaldi.

 

"La Liguria di Toti non guarda al futuro"

“La Liguria della Giunta Toti - conclude il capogruppo PD - è una Regione ferma, che non guarda al futuro, ma si ferma ad amministrare l’ordinario. Se i grandi statisti guardano alle prossime generazioni, e non alle prossime elezioni, si deve purtroppo rilevare come le iniziative pensate in questi otto anni dalla Giunta Toti non siano state redatte da statisti, visto il corto respiro delle iniziative messe in campo”.

 
...

 

Seguici sui nostri canali
Necrologie