Politica
L'APPELLO

Emergenza migranti, Scibilia (Confesercenti) al premier Meloni: "Si riapra il centro"

"Ventimiglia è ormai sotto assedio e sotto scacco per un fenomeno mal gestito, per una emergenza umanitaria mal seguita"

Emergenza migranti, Scibilia (Confesercenti) al premier Meloni: "Si riapra il centro"
Politica Ventimiglia, 23 Ottobre 2022 ore 11:15

L'appello di Sergio Scibilia (Confesercenti) al nuovo governo

Con la nascita del nuovo governo Confesercenti chiede subito un intervento urgente per fermare il degrado a Ventimiglia legato alla mancata gestione del fenomeno dell’immigrazione e del transito di clandestini. Confesercenti si rivolge al Premier Meloni appena eletta, ai deputati e senatori liguri , affinché possa ritornare ad essere presente anche nella nostra città lo Stato, affinché possa esistere il diritto di uscire la sera senza paura, possa esserci uno fenomeno di solidarietà organizzato dalle istituzioni che si occupi di questa emergenza umanitaria, dopo l’abbandono degli ultimi mesi”.

A parlare è Sergio Scibilia presidente della Confesercenti di Ventimiglia, che pone l’accento sulla necessità di intervenire in modo serio per tamponare questa emergenza umanitaria, che ormai si protrae da anni.

Ventimiglia è ormai sotto assedio e sotto scacco per un fenomeno mal gestito

La città di confine ha immediatamente la necessità di avere una risposta chiara, forte e definitiva su questa emergenza - ancora Scibilia -. Ventimiglia è ormai sotto assedio e sotto scacco per un fenomeno mal gestito, per una emergenza umanitaria mal seguita. La mancanza di in centro di prima accoglienza, chiuso per motivi esclusivamente elettorali, ha creato danni enormi alla cittadinanza, alle imprese e alla sicurezza urbana e ha lasciato in strada centinaia di persone disperate alla mercede della criminalità organizzata e di bande di delinquenti che sfruttano le miserie di questi poveretti”.

Sbandati in giro per la città con ubriachi buttati per strada

E ancora: “Quindi emergenza umana con donne, uomini e bambini costretti a soggiornare per strada senza alcun servizio al freddo e alla pioggia, senza assistenza, a volte oggetto di sfruttamenti e di violenze. Sbandati in giro per la città con ubriachi buttati per strada. Atti di violenza in diverse proprietà private.Ventimiglia sta pagando un prezzo altissimo e i ventimigliesi sono stanchi”.

Conclude Scibilia: “Si riapra il centro di prima accoglienza attrezzato e si rivedano i trattati dei rientri con la Francia, al fine di tamponare i numeri dei profughi riammessi nel nostro paese senza veri controlli. Ora c’è un Governo, ci sono ministri competenti per aiutare Ventimiglia al centro di una crisi internazionale”.

Seguici sui nostri canali
Necrologie