ORA SI CONTANO I DANNI

Il bilancio del sindaco a una settimana dall’alluvione: “Piena fiducia a Prestileo”

"E' passata una settimana dall'alluvione che ha colpito Ventimiglia, ma la città poco per volta sta vedendo uno spiraglio e si inizia a tirare le somme"

Il bilancio del sindaco a una settimana dall’alluvione: “Piena fiducia a Prestileo”
Ventimiglia, 10 Ottobre 2020 ore 09:30

Alluvione

“E’ passata una settimana dall’alluvione che ha colpito duramente Ventimiglia, ma la città poco per volta sta vedendo uno spiraglio e si inizia a tirare le somme”. A parlare è il sindaco della città di confine, Gaetano Scullino, che in questa maniera interviene per un bilancio a distanza di una settimana dall’alluvione che ha devastato parte della città.

“Dopo la dura prova dei mesi di lockdown, il commercio ventimigliese stava iniziando a riprendersi, l’economia della città era tornata a funzionare e come amministrazione comunale continuavamo a portare avanti il programma di far diventare Ventimiglia sempre più bella, andando ad intervenire dove c’erano criticità”. Poi l’alluvione che guasta ogni più rosea speranza: “Un’alluvione di una tale intensità, che non ne ricordiamo uno uguale, ci ha messo in ginocchio ma fin dal primo minuto siamo stati certi che ci saremmo risollevati e non abbiamo perso tempo mettendoci subito al lavoro fin dal sabato mattina”.

I consiglieri comunali si sono riuniti

dando mandato al direttore operativo Marco Prestileo di coordinare tutti gli interventi di primo soccorso, ripristino servizi, corrente elettrica.
“La Giunta, i consiglieri comunali – continua Scullino – hanno preso atto che non ho preferito dare incarichi singoli ma istituire una centrale operativa che svolgesse la funzione di collegamento tra sindaco, giunta, uffici comunali, protezione civile regionale e delle città limitrofe, vigili del Fuoco e che organizzasse le centinaia di volontari”.

“Per tutta la settimana infatti, centinaia di ventimigliesi tra cui tantissimi giovani, sono corsi in aiuto della città instancabilmente e proprio per questo sono stati soprannominati gli Angeli del fango Ventemigliusi, una popolazione che ha dimostrato un attaccamento forte alla città ed un forte senso civico. Anche alcuni ristoratori hanno dato appuntamento tutti i giorni con banchetti in città che hanno sfamato fino a 1.200 volontari. Tanti anche i privati che hanno portato torte e focacce fatte in casa. Un’unione, uno spirito di attaccamento alla città che sono emersi proprio in questo momento di massima difficoltà”.

Scullino ringrazia Giunta e Consiglio comunale

“Che si stanno adoperando per aiutare a risolvere le varie difficoltà. È normale che a volte sia uscito un po’ di nervosismo ed alcuni non abbiano rispettato il quadro organizzativo dando proprie direttive, ma visto il momento così particolare, dobbiamo rimanere lucidi, non ci deve essere alcun accavallamento o iniziative personali ma dobbiamo pensare all’obiettivo finale che è quello di ripulire la città ed aprire tutti i negozi, affinché Ventimiglia si metta alle spalle questo triste momento”.

Conclude: “Io sono stato non solo in ufficio ma anche molto sul campo, in strada, come sono solito fare, per verificare di persona lo stato della città ed i problemi, confrontandomi tutte le sere con il direttore operativo Prestileo che segue le mie direttive e di cui ho massima fiducia e stima. Il dott. Prestileo sta facendo un ottimo lavoro per far rinascere Ventimiglia. A noi sta a cuore continuare il nostro programma elettorale con numerose opere e progetti che erano già in cantiere e vi assicuro che in poco tempo la città tornerà più bella di prima”.

Leggi qui le altre notizie

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità