Politica

Indennità non dovute: Comune vince primo round contro polizia municipale

Il giudice, infatti, ha rigettato il ricorso. Si parla, in media, di somme complessive che si aggirano tra i 200 e i 300 euro a dipendente, anche se poi troviamo chi ne deve restituire circa settecento e chi molto meno.

Indennità non dovute: Comune vince primo round contro polizia municipale
Politica Ventimiglia, 28 Settembre 2017 ore 12:30

Il Comune di Ventimiglia vince il primo round dell'incontro con i ventuno agenti della polizia municipale, che nelle settimane scorse aveva presentato, davanti al giudice del Lavoro, Roberto De Martino, di Imperia, un provvedimento di urgenza (ex articolo 700), con il quale chiedevano di sospendere le trattenute sugli stipendi, pagate come indennità di rischio, tra il 2013 e il marzo del 2015 e che secondo la Ragioneria dello stato sarebbero state indebitamente versate.

Il giudice, infatti, ha rigettato il ricorso. Si parla, in media, di somme complessive che si aggirano tra i 200 e i 300 euro a dipendente, anche se poi troviamo chi ne deve restituire circa settecento e chi molto meno.

Dopo aver appreso dalla Ragioneria che quelle somme erano state indebitamente corrisposte, il Comune ha avviato un'operazione di recupero, attraverso trattenute mensili nell'odine di 20-30 euro a ciascun vigile, in quanto è vero da una parte che le indennità sono contemplate dal Contratto collettivo nazionale di lavoro, ma è altrettanto vero che devono sussistere determinati requisiti, che non sempre sono stati riscontrati.

Il giudice ha rigettato il ricorso, in pratica, ravvisando che non esisteva alcun "periculum in mora" ovvero il rischio di subire un danno grave e irreparabile, da giustificare la sospensione delle trattenute.

"Siamo soddisfatti che il giudice ha accolto la testi difensiva - dichiara l'avvocato del Comune di Ventimiglia, Francesco Lopez - rigettando il provvedimento di urgenza". I dipendenti della polizia municipale avrebbero ricevuto la stessa indennità anche nel periodo precedente a quello del recupero, ma fino al 31 dicembre del 2012, lo Stato aveva recuperato quelle somme attraverso altri fondi.

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter
Necrologie