Politica

Ultimatum del centrodestra a Scullino: "Senza discontinuità, niente più appoggio"

 "Il centrodestra, senza discontinuità, non appoggia più Scullino". Questo il messaggio che trapela dalla riunione in videoconferenza di ieri

Ultimatum del centrodestra a Scullino: "Senza discontinuità, niente più appoggio"
Politica Ventimiglia, 19 Agosto 2021 ore 10:17

L'ultimatum del centrodestra Scullino

"Il centrodestra, senza discontinuità, non appoggerà più Scullino". Questo, in estrema sintesi, è il messaggio che trapela dalla riunione in videoconferenza di ieri sera tra i partiti del centrodestra (Lega, Fratelli d'Italia e Forza Italia), a margine della crisi di maggioranza, scoppiata nei giorni scorsi in Consiglio comunale, quando la pratica per realizzare un nuovo supermercato (Coop) in via Cabagni Baccini, caldeggiata dal sindaco Gaetano Scullino, è passata con i voti della minoranza del Pd, contraria la Lega, che si è autosospesa uscendo dall'aula. Un ultimatum a tutti gli effetti.

Il testo della nota stampa del cenrodestra

"Il centrodestra - si legge in una nota - non ha apprezzato il comportamento del sindaco che, sulla pratica Coop, ha votato contro la sua maggioranza allineandosi al Pd. Era evidente che il suo comportamento avrebbe avuto delle conseguenze sulla stabilità dell'amministrazione e quindi portato alla crisi in atto".

Secondo il centrodestra, comunque, si tratterebbe soltanto della goccia che ha fatto traboccare il vaso: "Molte volte ci siamo trovati in disaccordo su questioni sollevate o enfatizzate dallo stesso sindaco ,che erano al di fuori del programma elettorale e che hanno generato inutili e dannose tensioni in seno alla maggioranza e tra i cittadini. Molte proposte avanzate dal centrodestra sono state messe nel cassetto per far spazio a iniziative estemporanee, mentre abbiamo letto di aperture al Pd addirittura sul tema dell'immigrazione". I comunicato si conclude con l'ultimatum al sindaco.

"Il clima in cui ci troviamo ad amministrare non è quindi di condivisione e serenità, oltre a rivedere le priorità del mandato serve una forte discontinuità nell'organizzazione, nelle persone, nel metodo di amministrare. Siamo certi che il Sindaco saprà cogliere questo appello e condividere con le forze politiche che lo hanno sostenuto le prossime decisioni sul futuro della città".

Necrologie