l'ultimo slam del 2021

Che peccato Fabio! Agli US Open una delle sconfitte più brucianti della carriera

Contro Pospisil al primo turno di Flushing Meadows domina da campione i primi due set, si fa rimontare e viene battuto nel quinto set. Un match folle

Che peccato Fabio! Agli US Open una delle sconfitte più brucianti della carriera
Sport Sanremo, 01 Settembre 2021 ore 08:03

Dominare due set, vedersi rimontare, riprendere il controllo del match fino al 4-1 del quinto set e poi perdere e dire addio agli Us Open 2021, ultimo Slam della stagione. Una doccia fredda, dopo 3 ore e 18 minuti di gioco, che né gli appassionati di tennis, nè gli addetti ai lavori e, probabimnente, neppure i due giocatori in campo si sarebbero aspettati. E invece è successo, nella notte italiana a Fabio Fognini sui campi in cemento  di Flushing Meadows a New York. Il campione armese giocava contro Vasek Pspisil, un avversario per lui da sempre ostico ma con i favori del pronostico. Fabio ha rispettato il pronostico per i primi due set, chiusi velocemente 6-2 6-3 in 40 minuti mettendo in mostra un tennis ingiocabile per il canadese. Poi il black out, inatteso, inspiegabile. Fognini ha perso il terzo set per 6-1. Un altro giocatore in campo. Ha lottato nel quarto, ma si è fatto breakkare sul 3-4 e anche quello se n'è andato, perso 6-3.

A quel punto è suonata la sveglia e come se nulla fosse è ritornato in campo lo splendido giocatore che conosciamo, con colpi di alta scuola, come nei primi due set. Infatti la partita si è incanalata verso un finale che appariva scontato, con Fabio salito 3-0 e poi 4-1. Ma Pospisil, che a parte il primo confronto con Fognini negli altri tre o quattro lo ha sempre battuto, si è rimesso a giocare bene e con un po' di fortuna ha recuperato il break e portato l'armese al tie break, dove ha giocato meglio e vinto l'incontro. Peccato davvero.

Poche ore prima un'altra sconfitta bruciante per i nostri colori, con la sconfitta dopo cinque set giocati con il cuore dell'altro nostro campione, Gianluca Mager

Necrologie