Menu
Cerca
il grande tennis nel Principato

Record di nove italiani al Montecarlo Master 1000. Montepremi di oltre 2 milioni di euro

Ai 5 italiani ammessi di diritto si aggiungono altri 4 connazionali usciti dalle qualificazioni. Domani esordio di Fognini, martedì Sinner

Record di nove italiani al Montecarlo Master 1000.  Montepremi di oltre 2 milioni di euro
Sport Sanremo, 11 Aprile 2021 ore 20:10

Una pattuglia da record di italiani per il Montecarlo Rolex Master 1000 al via domani nel Principato: oltre 2 milioni di euro di montepremi

Domani l’esordio di Fognini, detentore del Trofeo monegasco

Ai cinque ammessi di diritto (Berrettini, Fognini, Sinner, Sonego e Musetti) ben 4 dei sei italiani passati dalle qualificazioni hanno conquistato l’accesso al main draw monegasco, dove Fabio Fognini (che ha esordito oggi in doppio, vincendo in coppia con l’argentino Schwartzam) è tuttora il campione in carica, avendo vinto l’ultima edizione nel 2019 (lo scorso anno il torneo non si è giocato causa covid). Così la pattuglia tricolore si arricchisce di Marco Cecchinato, Stefano Travaglia, Salvatore Caruso e Thomas Fabbiano, tutti e quattro vincitori di entrambi i match di qualificazione.

Presenti 8 dei 10 migliori giocatori del mondo. Unici assenti sono l’austriaco Dominic Thiem e l’ex n° 1 del mondo, sua Maestà Roger Federer

Il montepremi e il price money di Montecarlo: ecco quanto si guadagna a ogni turno

Il Montepremi del Montecarlo Rolex Master 2021 p di 2 milioni 82.960 euro. Di questi ben 251.085 euro (insieme a 1000 punti per il ranking Atp) andranno al vincitore del torneo. Al finalista andranno 150mila euro e 600 punti. Di seguito il dettaglio per ogni turno superato:

PRIMO TURNO – € 12.000 (10 punti)

SECONDO TURNO – € 18.100 (45 punti)

OTTAVI DI FINALE – € 29.000 (90 punti)

QUARTI DI FINALE – € 46.500 (180 punti)

SEMIFINALI – € 85.000 (360 punti)

FINALISTA – € 150.000 (600 punti)

VINCITORE – € 251.085 (1000 punti)

Berrettini (n° 10 del mondo) parte dal secondo turno

Terminate oggi le qualificazioni, da domani entra nel vivo il secondo Master 1000 stagionale (il primo era Miami). Dei nove italiani, solo Matteo Berrettini (in quanto n° 10 del mondo e testa di serie n° 8 del tabellone) salterà il primo turno (32esimi di finale).

In campo vedremo quindi Fabio Fognini (n° 18 ATP) e  testa di serie n° 15, affronterà nel pomeriggio di domani il 21enne serbo, mai incontrato in carriera, Miomir Kecmanovic, n.46 del ranking Atp.

Jannik Sinner, (salito al n° 23 ATP da questa settimana) troverà (anche lui per la prima volta) sulla sua strada lo spagnolo Albert Ramos-Vinolas, n.47 del ranking,  finalista quattro anni fa, quando si arrese a un certo Rafa Nadal. Un aversario ostico che questa settimana ha fatto soffrire parecchio all’Andalucia Open il connazionale Carreno Busta, che ha avuto la meglio al tie break del terzo set. In caso di vittoria Sinner si troverà il numero uno del mondo Nole Djokovic.

Lorenzo Sonego, n.34 ATP, oggi fresco vincitore al ‘Sardegna Open’, (sia in doppio che in singolare) esordirà contro  Marton Fucsovics, n.40 Atp. L’ungherese è una bestia nera per Sonego, uscito sconfitto dagli ultimi tre incontri. Al secondo turno, in caso di vittoria, Sonego si troverebbe un altro brutto cliente, Alexander Zverev.

Lorenzo Musetti, 19enne carrarese, ultimo talento italiano  esploso nelle ultime settimane dovrà dimostrare di meritare la wild card che gli ha concesso l’organizzazione battendo l’ostico Aslan Karatsev, n.28 ATP, mai incontrato prima, che ha un bilancio di 13 vittorie e appena 3 sconfitte in questo inizio 2021, dove si è aggiudicato l’ATP 500 di Dubai). Al secondo turno si troverebbe il top 10 grego Tsitsipas.

Salvatore Caruso si trova al primo turno il padrone di casa Lucas Catarina, 24 anni, n° 457  al mondo

Stefano Travaglia avrà vita dura con uno specialista della terra come Pablo Carreno Busta, che proprio oggi ha vinto l’Andalucia Open Atp 250 in finale contro Jaume Munar, che al primo aveva eliminato Fabio Fognini

Marco Cecchinato con il tedesco Dominik Koepfer, n° 54 ATp

Thomas Fabbiano non ha un cliente facile: Hubert Hurkacz, fresco n° 16 del mondo dopo la vittoria del primo master 1000 a Miami, in finale contro Sinner

Necrologie