IL CASO GIUDIZIARIO

A Sanremo spunta uno striscione per liberare Chico Forti condannato all’ergastolo negli Usa

A Sanremo è spuntato uno striscione, affisso al secondo piano di una palazzina di corso Cavallotti, con il quale si chiede giustizia per "Chico Forti"

A Sanremo spunta uno striscione per liberare Chico Forti condannato all’ergastolo negli Usa
Sanremo, 30 Settembre 2020 ore 10:22

Condannato all’ergastolo

A Sanremo è spuntato uno striscione, affisso al secondo piano di una palazzina di corso Cavallotti, con il quale si chiede giustizia per “Chico Forti”, all’anagrafe Enrico Forti, 61 anni, l’ex produttore televisivo ed ex velista italiano, che nel 2000 è stato condannato per omicidio negli Stati Uniti, malgrado si sia sempre dichiarato innocente e vittima di un errore giudiziario.

La vicenda risale al 15 febbraio del 1998, quando Dale Pike (figlio di Anthony Pike, dal quale Chico stava acquistando il Pikes Hotel, a Ibiza) viene trovato assassinato sulla spiaggia di Sewer Beach, a Miami.

Chico viene accusato di essere parte in questo felony murder, un omicidio commesso durante l’esecuzione di un crimine (truffa in questo caso, dato che l’accusa aveva posto come movente dell’omicidio una truffa di Forti ai danni di Pike padre). Nel 2000 viene condannato all’ergastolo e associato al Dade Correctional Institution di Florida City vicino Miami.

Leggi qui le altre notizie

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità