Cani inselvatichiti all’origine degli attacchi al bestiame in Valle Argentina

I Carabinieri Forestali, i quali avevano raccolto ed analizzato le segnalazioni degli allevatori della zona, i quali lamentavano assalti ai capi

Cani inselvatichiti all’origine degli attacchi al bestiame in Valle Argentina
Taggia, 28 Novembre 2019 ore 08:19

Attacchi al bestiame

I carabinieri forestali hanno scoperto che c’è un branco di cani da pastore di grossa taglia, abbandonati e ormai inselvatichiti, all’origine dei ripetuti attacchi al bestiame, segnalati negli ultimi mesi negli allevamenti della Valle Argentina, nell’entroterra di Taggia, in provincia di Imperia. I lupi, quindi, non c’entrano nulla, al contrario di quanto paventato dagli allevatori.

I militari della stazione carabinieri forestale di Triora, infatti, hanno sorpreso e fotografato il branco, mentre si cibava di una capretta domestica, da poco predata, a margine della strada provinciale tra Colle Melosa e Pigna.

Dopo aver raccolto e analizzato le segnalazioni degli allevatori della zona, i quali lamentavano assalti ai capi di bestiame causati dai lupi, hanno eseguito una serie di servizi nell’area d’interesse, anche di notte. Indagini sono ora in corso per risalire ai responsabili dell’abbandono, ovvero della mancata custodia dei cani.

Leggi QUI le altre notizie

Dai una mano a
Sono ormai settimane che i giornalisti del tuo quotidiano online lavorano senza sosta per garantirti un'informazione precisa e puntuale dal tuo territorio.
Tutto questo gratuitamente, senza chiedere nulla in cambio.
Viviamo di pubblicità. Una risorsa che è venuta a mancare nelle ultime settimane a causa delle conseguenze dell'emergenza CoronaVirus.
Per questo ci rivolgiamo a te. Ti chiediamo di sostenere il tuo quotidiano online con un contributo volontario.
Ci aiuterà a superare questo momento, continuando a informarti.
Grazie.

Scegli il tuo contributo:
Top news regionali
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei