La protesta

"Situazione vergognosa" il coro degli studenti che sono scesi in piazza contro il trasporto pubblico

La manifestazione annunciata già i giorni scorsi dopo  il sondaggio della Rete degli Studenti Medi

"Situazione vergognosa" il coro degli studenti che sono scesi in piazza contro il trasporto pubblico
Pubblicato:
Aggiornato:

La manifestazione annunciata già i giorni scorsi dopo  il sondaggio della Rete degli Studenti Medi

"Situazione vergognosa" il coro degli studenti che sono scesi in piazza

Sono scesi in piazza oggi, partendo da piazza Roma, gli studenti imperiesi. La loro protesta riguarda la situazione disastrosa del trasporto pubblico.

La situazione era stata avallata dal sondaggio della Rete degli Studenti Medi che aveva fotografato il caos dei trasporti pubblici.

Dal nostro sondaggio – aveva detto giorni fa  Anna Vianello, della Rete degli Studenti di Imperia – si evincono dati molto preoccupanti. Questa situazione è insostenibile e necessita particolare attenzione da parte delle istituzioni. Addirittura l’88% di chi ha partecipato dichiara di aver perso le coincidenze o di essere arrivato in ritardo a scuola per via dell’inefficienza del nostro trasporto pubblico, che non è passato o che è passato in ritardo, mentre il 57% afferma di non essere in grado, con mezzi propri, di pagare il biglietto, che sia singolo o in forma di abbonamento, mensile o annuale. Vogliamo che l’amministrazione provinciale si faccia carico delle nostre richieste, perché solo così potremo arrivare ad avere un trasporto pubblico a misura di studente, che garantisca così davvero il diritto allo studio.”

"Una situazione vergognosa - hanno detto gli studenti presenti alla manifestazione - che diventa ancora più insopportabile per chi deve fare tratte lunghe  per raggiungere la scuola - spesso le corse vengono cancellate, non si sa quando arriva il bus e anche una volta a bordo la situazione spesso è drammatica soprattutto per le persone con disabilità o con le donne in gravidanza. Una provincia e un comune che hanno a cuore noi studenti devono pensare anche al trasporto"

Seguici sui nostri canali
Necrologie