Attualità
Sanremo

A Fabio Fiorello una targa dopo l'aggressione

La Sanremese Juniores ha omaggiato l'arbitro con una maglia ufficiale personalizzata e una targa

A Fabio Fiorello una targa dopo l'aggressione
Attualità Sanremo, 28 Novembre 2021 ore 09:37

Un'altra manifestazione di vicinanza a Fabio Fiorello, giovane arbitro imperiese aggredito nel corso del derby di Santo Stefano al Mare lo scorso weekend. Fiorello era stato raggiunto telefonicamente da Daniele Orsari, numero uno degli arbitri italiani (e internazionali) come riportato da La Riviera in edicola

In occasione della 9^ giornata del campionato Juniores Nazionali tra Sanremese e Lavagnese, la società biancazzurra ha omaggiato con una maglia ufficiale personalizzata il direttore di gara Fabio Fioriello che lo scorso fine settimana era stato aggredito durante un incontro di Seconda Categoria.

Fioriello si è ristabilito velocemente ed è stato designato per dirigere il derby ligure disputatosi oggi a Pian di Poma, a cui è accorso anche il designatore della sez. imperiese dell’AIA, Luigi Rambaldi che ha premiato l’arbitro con una targa

 

“Desidero portare la mia personale solidarietà e quella dell'AIAC di Imperia a al fischietto imperiese Fabio Fioriello” – commenta il Presidente Stragapede - “ Allo stesso modo siamo vicini alla sezione Aia di Imperia che rappresenta una scuola di vita per centinaia di giovani che ogni fine settimana con spirito di servizio ed entusiasmo permettono che tutte le società di calcio possano svolgere la propria attività sportiva. Quello accaduto sul campo di Santo Stefano è un fatto inaccettabile che va condannato nella maniera più assoluta. La degenerazione dello sport in violenza gratuita va stroncata sul nascere e perseguita con strumenti disciplinari e giuridici affinché situazioni del genere non abbiano mai più a ripetersi. L’educazione e il rispetto sono valori troppo importanti per essere calpestati sia nei campi di provincia che sui palchi nazionali. Per questo auspichiamo che si intervenga nella maniera dovuta affinché il rispetto dell’avversario, del direttore di gara e l’educazione siano principi fondamentali e tutelati dalla serie A ai giovanissimi”.

 

6 foto Sfoglia la gallery

 

Necrologie